Chi diventa rosso non è gay !

Paura di arrossire, esperienze a confronto tra chi soffre di questo disturbo.

Moderatore: abax

Re: Chi diventa rosso non è gay !

Messaggioda abax » gio mar 06, 2014 6:38 pm

Mi fa piacere Thewall che tu ti sia dato da fare rispetto al tuo benessere psicologico, e che la cosa ti stia dando dei risultati.

thewall ha scritto: i meccanismi di pensiero negativi (direi quasi tossici) che si erano creati stanno iniziando a cambiare.


Interessante tu usi questa parola, "tossico". Sai, una mia amica, che considero un vero genio (cmq l'unica non-addetta ai lavori che è riuscita a indicarmi molte cause e caratteristiche dei miei problemi psicologici) m'ha indirizzato, ad Agosto scorso, verso una tecnica (il Codice della Guarigione) che promette di guarire qualsiasi problema interno (che sia fisico o psicologico) partendo dal presupposto che esso è determinato da tossine (e la mia amica mi conferma l'effetto di "detox" che ha notato su sè stessa).

thewall ha scritto:Sto iniziando a vivere spontaneamente concentrandomi su ciò che è meglio per me e non su ciò che potrebbero pensare gli altri... è una liberazione.


Sarebbe davvero bello se la gente riuscisse a fare quanto dici di sopra. Non solo noi "eritro", ma tutti. E anche noi, a farlo non solo rispetto alla nostra ossessione del giudizio altrui, ma anche, al contrario, rispetto alle situazioni dove siamo noi a recriminare su quanto fanno gli altri, anche quando magari la cosa non danneggia nessuno. E, ancora più in generale, pensassimo tutti, appunto, a cosa fare per migliorar le cose, e non piangere sul latto versato o sul mondo che va a rotoli...

thewall ha scritto:Adesso mi sembra stupido pensare a quanto fossi ossessionato dall'eritrofobia, che è solo un sintomo di qualcosa di più grande e profondo che ci tormenta.


Beh, direi che le ossessioni sono generalmente irrazionali e controproducenti. E' vero che arrossire è un sintomo, ma quando i terapeuti vedon solo quell'aspetto, e trascurano quello della fobia, chi ne soffre rischia di non sentirsi capito. Io penso sia giusto affrontar entrambe le cose: sia l' "urgenza" della fobia che ci toglie lucidità, sia i problemi sottostanti che han creato la fobia stessa.

Abax
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4499
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia

Precedente

Torna a Eritrofobia, Eritrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti