uffa!!!

Paura di arrossire, esperienze a confronto tra chi soffre di questo disturbo.

Moderatore: abax

Re: uffa!!!

Messaggioda giovasta » gio apr 14, 2011 7:03 am

Posso immaginare che non sia facile per niente, BIJOUX. Per questo consiglio a tutti voi di riunirvi, scrivere su carta un progetto, e partire con missioni graduali e controllate. Come andare a chiedere l'ora a degli sconosciuti, poi un'informazione, e qualcosa di sempre più lungo in modo da far abituare gradualmente la psiche alla pressione sociale. Ovvio che nel piano scritto devono esserci delle "scuse plausibili" per gli attacchi di rossore e delle strategie di uscita (sorridendo:"non faccia caso al mio rossore è una maledetta allergia a" qualsiasi cosa) ecc.. Credo che un passettino per volta possa essere una soluzione efficace e la cui gradualità possa servire tantissimo per arginare lo scoglio della difficoltà esecutiva.
E' fondamentale che vi riuniate tra voi, a casa di qualcuno, e mettiate a punto un documento scritto con tutte le regole e le strategie che scaturiscono da ogni cervello, da ognuno di voi. Non cercate scuse, il problema è difficile, è durissimo, e se già da esterno posso capirlo, deve essere davvero dura per chi ce l'ha addosso. E proprio in virtù di tale difficoltà, dovete essere voi i più tosti del problema, anche a costo di diventare mendicanti per lavoro o andare in giro a frugare tra i rifiuti per abituarsi alla pressione sociale. (non dovete certo farlo nel vostro circolo sociale e l'esempio è volutamente estremo)
E' ovvio che quando uno ha un problema tende a dire, a ragione, ho provato di tutto, e proprio in virtù di questo serve cambiare drasticamente mentalità e partire da una posizione di "essere disposti a qualsiasi cosa".
Alleatevi e allenatevi più che potete.
giovasta
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 44
Iscritto il: gio mar 31, 2011 12:15 pm

Re: uffa!!!

Messaggioda abax » mar mag 24, 2011 1:46 pm

Benvenuto Lasinochevolava! :)
Le cose che dici, Giovasta, sono sostanzialmente quel che dice di fare la terapia breve strategica. Il dirlo preventivamente è chiamato "rivelare il perturbante segreto".
Il fatto che lo faccian notare peggiora le cose: lì a volte si tratta di persone con un problema di sadismo; altre volte semplicemente di gente che non si rende conto del fatto che ci stiam male per la cosa...
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia

Re: uffa!!!

Messaggioda giovasta » mar mag 24, 2011 7:54 pm

abax ha scritto:Il fatto che lo faccian notare peggiora le cose: lì a volte si tratta di persone con un problema di sadismo; altre volte semplicemente di gente che non si rende conto del fatto che ci stiam male per la cosa...


Una cosa è certa, potete e dovete andare a testa alta. Se uno è sadico, e non c'è un masochista consenziente dall'altra parte, è uno str**zo, quindi non merita le vostre preoccupazioni; se la gente non si rende conto che state male per la cosa, non si rende neanche conto dell'imbarazzo che provate. In entrambi i casi, razionalmente, è superabile come concezione.

Probabilmente non si diventa eritrofobi di punto in bianco, c'è tutto un processo graduale (correggimi se sbaglio); e quindi la stessa gradualità deve essere applicata progressivamente per far regredire il problema. Il modo per riuscirci è lo sforzo e il fatto di dover affrontare 1000 volte la situazione. Sforzarsi di controllare i pensieri prolungando il controllo per più tempo possibile e poi "abbandonandosi anche ad arrossire". E la maniera più indolore è quella di usare una certa gradualità. E' qualcosa di terribilmente duro, me ne rendo conto, ma non è una ragione sufficiente per non farlo, l'alternativa è tenersi il problema e soccombere ad un'intera vita di privazioni di ogni tipo. Lo dico col cuore.
giovasta
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 44
Iscritto il: gio mar 31, 2011 12:15 pm

Re: uffa!!!

Messaggioda Lina85 » mer mag 25, 2011 7:56 am

Come ti capisco bijoux...non è per niente facile..è la cosa più brutta è che ti influenza la vita in tutto..non sei libera di fare e dire nulla,perchè lei (LA VAMPATA) è sempre dietro l'angolo pronta a saltare fuori ogni volta che cerchi di essere te stessa!!
Avatar utente
Lina85
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 36
Iscritto il: sab mag 16, 2009 4:30 pm
Località: Bologna

Re: uffa!!!

Messaggioda abax » mar giu 21, 2011 10:20 pm

giovasta ha scritto:Una cosa è certa, potete e dovete andare a testa alta. Se uno è sadico, e non c'è un masochista consenziente dall'altra parte, è uno str**zo, quindi non merita le vostre preoccupazioni; se la gente non si rende conto che state male per la cosa, non si rende neanche conto dell'imbarazzo che provate. In entrambi i casi, razionalmente, è superabile come concezione.

Io direi però che, al di là di questa che è una caratteristica aggravante, il nostro problema c'è a prescindere da quello che VERAMENTE pensan gli altri, o dal loro comportamento.
giovasta ha scritto:Probabilmente non si diventa eritrofobi di punto in bianco, c'è tutto un processo graduale (correggimi se sbaglio); e quindi la stessa gradualità deve essere applicata progressivamente per far regredire il problema. Il modo per riuscirci è lo sforzo e il fatto di dover affrontare 1000 volte la situazione. Sforzarsi di controllare i pensieri prolungando il controllo per più tempo possibile e poi "abbandonandosi anche ad arrossire". E la maniera più indolore è quella di usare una certa gradualità. E' qualcosa di terribilmente duro, me ne rendo conto, ma non è una ragione sufficiente per non farlo, l'alternativa è tenersi il problema e soccombere ad un'intera vita di privazioni di ogni tipo. Lo dico col cuore.

La mia opinione è che le basi dell'eritrofobia stian nell'infanzia e nell'adolescenza, poi la cosa "esploda" a volte dopo, in occasione di eventi scatenanti. Come ho detto varie volte, son d'accordo con l'idea di affrontar le situazioni gradualmente e anche "abbandonarsi", ma sul controllo del sintomo ho molti dubbi sulla fattibilità.

Come ti capisco bijoux...non è per niente facile..è la cosa più brutta è che ti influenza la vita in tutto..non sei libera di fare e dire nulla,perchè lei (LA VAMPATA) è sempre dietro l'angolo pronta a saltare fuori ogni volta che cerchi di essere te stessa!!

Penso che qui stia il punto: perchè il nostro inconscio vuol impedirci di esser noi stessi?
Abax
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4501
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia

Re: uffa!!!

Messaggioda conni » mer giu 22, 2011 12:33 pm

Più ti arrabbi....più generi tensione.....e più sarà facile diventare rossa ogni volta.
Inizia a "perdonarti" quando ti capita....[/quote]

questa è bellissima.
Ma perchè lasinochevolava? non vola più? :)
E tu giovasta, ma quante ne sai....sei geniale!!!! :wink:
conni
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 96
Iscritto il: dom feb 13, 2011 12:44 am

Re: uffa!!!

Messaggioda f. eritrosi!! » gio giu 23, 2011 7:27 pm

Lina85 ha scritto:Come ti capisco bijoux...non è per niente facile..è la cosa più brutta è che ti influenza la vita in tutto..non sei libera di fare e dire nulla,perchè lei (LA VAMPATA) è sempre dietro l'angolo pronta a saltare fuori ogni volta che cerchi di essere te stessa!!


:shock: esatto!!
f. eritrosi!!
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 22
Iscritto il: gio gen 15, 2009 3:52 am

Precedente

Torna a Eritrofobia, Eritrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti