Antihydral, vita breve?

Forum sugli antitraspiranti.

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda abax » gio feb 18, 2010 9:19 am

Heretiko, forse hai ragione. Però è una questione rilevante su cui val la pena continuare a indagare, per quel che riusciamo...
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4505
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda jude74 » gio feb 18, 2010 9:47 am

Avete ragione ragazzi,non c'e businnes e quindi il farmaco non interessa.Viene facile polemizzare la questione.L'aspirina,moment e altri farmaci da banco vengono pubblicizzati e alla fine dicono"puo' nuocere,anche gravemente alla salute".Basta essere a conoscienza degli effetti collaterali,ci si ragiona sopra e si decide,insieme al medico se ne vale la pena prenderlo.Qui la coerenza fa' a pugni con la pura ragione....sfogo doveroso...e inutile!
jude74
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 10
Iscritto il: gio gen 07, 2010 12:45 pm

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda nimaldefoss » dom mar 07, 2010 10:48 pm

jude74 ha scritto:Avete ragione ragazzi,non c'e businnes e quindi il farmaco non interessa.Viene facile polemizzare la questione.L'aspirina,moment e altri farmaci da banco vengono pubblicizzati e alla fine dicono"puo' nuocere,anche gravemente alla salute".Basta essere a conoscienza degli effetti collaterali,ci si ragiona sopra e si decide,insieme al medico se ne vale la pena prenderlo.Qui la coerenza fa' a pugni con la pura ragione....sfogo doveroso...e inutile!

Aggiungo che nella pubblicità del moment si dice "può avere effetti collaterali ANCHE GRAVI" leggendo il foglietto si legge, tra le altre cose, "aumento del rischio di attacco cardiaco e ictus" e di attacco cardiaco e ictus si può anche morire :) .... intanto continuo a usare la cremina che mi tiene le mani asciutte.... in bocca al lupo a tutti
Avatar utente
nimaldefoss
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 42
Iscritto il: mar giu 12, 2007 1:10 pm
Località: Basiglio

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda pablo » dom mar 07, 2010 11:13 pm

Ragazzi,
vi dico la mia sull’argomento….
Io credo che vada approfondita la possibile pericolosità di questa crema. Io non sono un chimico e non mi intendo di tutte queste sostanze; l’unica cosa che so riguardo alla formalina, per vicende lavorative che mi riguardano, è che viene utilizzata per fissare del tessuto tumorale. Esempio quando fanno le biopsie al seno o al fegato o dove si voglia, il prelievo che ottengono lo ripongono subito in una provetta contenente formalina che fissa il tessuto biologico che diversamente andrebbe a decomporsi. Della formalina se ne teme la vaporizzazione, motivo per il quale non viene spruzzata, forse perché potrebbe essere respirata e quindi assimilata… E’ tutto quello che so….
Riguarda alla crema, anche io ne sono diventato un abituale utilizzatore. Sono solito recarmi nella bella Lugano in qualche sabato primaverile, fare un giro sul lago e comprare tre confezioni di crema da 25g che poi mi durano più di un anno. Va detto che a Lugano tutte le farmacie, e sono una ventina, hanno la cremina. Ne faccio pertanto un uso molto ridotto, tipicamente un paio di notti ogni 2-3 settimane e peraltro non consecutive. Nel tempo mi è sparito sia l’effetto piscina che l’effetto Simpson e non so dire se sia perché ne uso poco ma non credo… La positività degli effetti rimane, nel senso che il problema dell’iperidorsi alle mani, anche se non risolto del tutto, si riesce a contenere abbastanza bene. Quindi il giudizio è ancora ottimo per il prodotto da parte mia.
Devo però dire 2 cose. Le notti in cui applico la crema, di solito la mal sopporto anche nel sonno. E’ come se mi si scaldassero le mani, mi dà fastidio toccare le lenzuola e quindi mi capita, anzi sempre dopo 2/3 ore di sonno, mi alzo nella notte e vado a lavarmi le mani, quindi non la tengo tutta la notte. In più ultimamente mi sono accorto, e non so se sia un riflesso psicologico, che alle mani tende a ridursi l’afflusso del sangue, quindi mi sveglio con le formiche alle mani e la necessità di fare affluire il sangue alle mani…
Poi mi sono accorto che produco del sudore giallastro alle ascelle perché trovo un alone sulle magliette della salute che faccio anche fatica a lavare, probabilmente nei giorni successivi a quando metto la cremina, a dimostrazione del fatto che si assimila qualcosa dalla crema che da una parte inquieta, dall’altra consola perché significa che sudando si espelle qualcosa della nocività assimilata.
Insomma io credo che la crema non faccia certamente bene alla salute; bisogna vedere quanto. Non credo che anche gli altri rimedi facciano bene, ionoforesi inclusa. In più faccio il ragionamento che oramai ho passato i 40 e quindi di qualcosa devo morire prima o poi e quindi vado avanti così ma riconosco che non è un buon modo di ragionare.
Se si appurasse che la cremina determina un alto livello di cancerogenità bisogna che tutti quanti ne interrompiamo l’uso per cui giovani studiosi di medicina, biologia e chimica e conoscitori di lingue germaniche datevi da fare! Cercate di carpire più informazioni e informate tutta la comunità qui!
Saluti, pablo
pablo
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 64
Iscritto il: lun dic 18, 2006 10:58 am

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda nimaldefoss » lun mar 08, 2010 8:36 am

pablo ha scritto:Ragazzi,
vi dico la mia sull’argomento….
Io credo che vada approfondita la possibile pericolosità di questa crema. Io non sono un chimico e non mi intendo di tutte queste sostanze; l’unica cosa che so riguardo alla formalina, per vicende lavorative che mi riguardano, è che viene utilizzata per fissare del tessuto tumorale. Esempio quando fanno le biopsie al seno o al fegato o dove si voglia, il prelievo che ottengono lo ripongono subito in una provetta contenente formalina che fissa il tessuto biologico che diversamente andrebbe a decomporsi. Della formalina se ne teme la vaporizzazione, motivo per il quale non viene spruzzata, forse perché potrebbe essere respirata e quindi assimilata… E’ tutto quello che so….
Riguarda alla crema, anche io ne sono diventato un abituale utilizzatore. Sono solito recarmi nella bella Lugano in qualche sabato primaverile, fare un giro sul lago e comprare tre confezioni di crema da 25g che poi mi durano più di un anno. Va detto che a Lugano tutte le farmacie, e sono una ventina, hanno la cremina. Ne faccio pertanto un uso molto ridotto, tipicamente un paio di notti ogni 2-3 settimane e peraltro non consecutive. Nel tempo mi è sparito sia l’effetto piscina che l’effetto Simpson e non so dire se sia perché ne uso poco ma non credo… La positività degli effetti rimane, nel senso che il problema dell’iperidorsi alle mani, anche se non risolto del tutto, si riesce a contenere abbastanza bene. Quindi il giudizio è ancora ottimo per il prodotto da parte mia.
Devo però dire 2 cose. Le notti in cui applico la crema, di solito la mal sopporto anche nel sonno. E’ come se mi si scaldassero le mani, mi dà fastidio toccare le lenzuola e quindi mi capita, anzi sempre dopo 2/3 ore di sonno, mi alzo nella notte e vado a lavarmi le mani, quindi non la tengo tutta la notte. In più ultimamente mi sono accorto, e non so se sia un riflesso psicologico, che alle mani tende a ridursi l’afflusso del sangue, quindi mi sveglio con le formiche alle mani e la necessità di fare affluire il sangue alle mani…
Poi mi sono accorto che produco del sudore giallastro alle ascelle perché trovo un alone sulle magliette della salute che faccio anche fatica a lavare, probabilmente nei giorni successivi a quando metto la cremina, a dimostrazione del fatto che si assimila qualcosa dalla crema che da una parte inquieta, dall’altra consola perché significa che sudando si espelle qualcosa della nocività assimilata.
Insomma io credo che la crema non faccia certamente bene alla salute; bisogna vedere quanto. Non credo che anche gli altri rimedi facciano bene, ionoforesi inclusa. In più faccio il ragionamento che oramai ho passato i 40 e quindi di qualcosa devo morire prima o poi e quindi vado avanti così ma riconosco che non è un buon modo di ragionare.
Se si appurasse che la cremina determina un alto livello di cancerogenità bisogna che tutti quanti ne interrompiamo l’uso per cui giovani studiosi di medicina, biologia e chimica e conoscitori di lingue germaniche datevi da fare! Cercate di carpire più informazioni e informate tutta la comunità qui!
Saluti, pablo

probabilmente l'alone giallo che trovi sulle magliette è dovuto all'aumentato sudore in quel punto dovuto alla compensazione. capita anche a me.... ciao
Avatar utente
nimaldefoss
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 42
Iscritto il: mar giu 12, 2007 1:10 pm
Località: Basiglio

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda pablo » lun mar 08, 2010 10:36 pm

nimaldefoss ha scritto:probabilmente l'alone giallo che trovi sulle magliette è dovuto all'aumentato sudore in quel punto dovuto alla compensazione. capita anche a me.... ciao

Non credo, io non ho mai sudato giallo dalle ascelle. Credo si tratti di qualcosa che si espelle col sudore a seguito dell'avere utilizzato la crema in questione...
pablo
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 64
Iscritto il: lun dic 18, 2006 10:58 am

Re: Antihydral, vita breve?

Messaggioda ema » ven mar 19, 2010 10:37 pm

pablo ha scritto:
nimaldefoss ha scritto:probabilmente l'alone giallo che trovi sulle magliette è dovuto all'aumentato sudore in quel punto dovuto alla compensazione. capita anche a me.... ciao

Non credo, io non ho mai sudato giallo dalle ascelle. Credo si tratti di qualcosa che si espelle col sudore a seguito dell'avere utilizzato la crema in questione...



idem...anche sudo giallo dalle ascelle ..da qundo uso la crema ...ma anche quando usavo la ionoforesi...ergo...
ema
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: gio dic 14, 2006 12:56 am

PrecedenteProssimo

Torna a Antitraspiranti

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 0 ospiti

cron