Pagina 1 di 1

IONOFORESI DRIELLE

MessaggioInviato: gio giu 02, 2016 7:15 pm
da melissa
Buonasera a tutti! sono nuova qui! grazie a questo forum sono venuta a conoscenza dell'apparecchio bielsan drielle e l'ho acquistato! appena comprato ho subito provato con la prima seduta e mi sono "bruciata i polsi" quindi ho dovuto aspettare un po' che guarissero. ora sto facendo il ciclo iniziale e sono al secondo giorno effettivo. nel libretto delle istruzioni c'è scritto che bisogna fare sedute di un'ora. ieri ho tollerato 7mA per 60 minuti. oggi invece ho fatto la prima mezz'ora a 3.5 e invece la seconda mezz'ora non ci sono riuscita. ero a 3mA e dopo dieci minuti mi bruciavano le cuticole (ho dei taglietti quindi credo sia dovuto a quello).
mi chiedevo.... dovrò iniziare da capo non avendo fatto l'ora intera????
sono molto demoralizzata. non scrivetemi: "se non tolleri la iono questo trattamento non fa per te". sono determinata a farlo e voglio risolvere questo problema.
grazie a tutti in anticipo per l'attenzione!

Re: IONOFORESI DRIELLE

MessaggioInviato: dom giu 05, 2016 11:15 pm
da Giany
Ciao,

prima di tutto una considerazione: il Drielle è regolabile, per scottarsi bisogna proprio volerlo, quindi non demoralizzarti piuttosto cerca di regolare la corrente in modo che non sia troppo fastidiosa: come mi hanno fatto notare gli stessi produttori, lo scopo del trattamento è togliere il sudore, non usare una corrente molto alta !

Se hai le dita rovinate è chiaro che senti bruciare, quelli della Bielsan a mio tempo mi avevano suggerito di passare sulla mano un mezzo limone: dove senti bruciare, brucerà anche la corrente, quindi devi mettere delle creme emollienti e riparatorie (esistono creme che riparano taglietti e pellicine tormentate) e devi smettere di tormentarti le unghie.

Eventualmente chiedi ai produttori del drielle una estensione del periodo di prova così puoi aspettare che la pelle delle dita sia meno rovinata e poi riparti da zero.

Se soffri non vai molto lontano, il trattamento non richiede nessuna sofferenza, solo un po' di buon senso.