to the other side

Forum sulla ionoforesi.

to the other side

Messaggioda Davide H » gio giu 27, 2013 4:56 pm

Ciao a tutti. :)
Questo è il mio primo post e lo apro per raccontare la mia esperienza e per chiedere consiglio.
Ho appena terminato il mio primo ciclo con Drielle di 15 sedute da 1 ora ciascuna eseguito con regolarità eccetto per gli ultimi giorni in cui per vari contrattempi ho saltato qualche data.
Sono partito da 4 mA e ho terminato a 6mA
Comunque il risultato è prevalentemente positivo. Palmi secchi e screpolati (usando varie creme idratanti dopo le sedute) e qualche taglietto da ustione trattato con vaselina (durante le sedute).

La mia perplessità riguarda il dorso delle mani e gli spazi interdigitali e i polpastrelli.
Per questi ultimi nessuna sorpresa, me l'aspettavo. Invece per quanto riguarda gli spazi interdigitali (tra un dito e l'altro) rimangono degnamente umidicci.
Il dorso invece, soprattutto in queste giornate di calura è spesso umido. A questo proposito non riesco a ricordare se è sempre stato così. Forse prima non ci facevo caso dato l'enorme contrasto con il palmo che era decisamente piu sudato.

La mia conclusione è che dal momento che le zone sopracitate non entrano in contatto con le spugne la corrente non si propaga e quindi non si ottiene un effetto (ebbravo Einstein :P ).
Mi interessava sapere cosa ne pensate e se qualcuno usa qualche accorgimento per "coprire" anche le zone interdigitali.
Pensavo a delle strisce di spugna da ritagliare per "imbottire" lo spazio tra le dita.

Grazie per il forum e ancora ciao a tutti. Davide :)
Davide H
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 2
Iscritto il: lun giu 10, 2013 5:18 pm

Re: to the other side

Messaggioda glis » gio giu 27, 2013 10:14 pm

semplicemente alza il livello dell'acqua nella vaschetta, dovrai aumentare anche la corrente perchè si distribuisce su più area, ma dove c'è acqua la corrente ci va
glis
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 507
Iscritto il: mer dic 13, 2006 7:00 pm

Re: to the other side

Messaggioda Bruce Lee » gio giu 27, 2013 11:06 pm

quoto Glis, alza il livello dell'acqua fino a coprire palmo e dorso della mano. Le spugne non c'entrano nulla. Io le ho completamente eliminate da quando utilizzo vaschette di plastica, mentre le usavo con quelle in alluminio, scomodissime.


p.s. ciao Glis :wink:
Avatar utente
Bruce Lee
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 688
Iscritto il: mer dic 13, 2006 11:45 pm

Re: to the other side

Messaggioda tony » ven giu 28, 2013 4:51 pm

Bruce Lee ha scritto:quoto Glis, alza il livello dell'acqua fino a coprire palmo e dorso della mano. Le spugne non c'entrano nulla. Io le ho completamente eliminate da quando utilizzo vaschette di plastica, mentre le usavo con quelle in alluminio, scomodissime.


p.s. ciao Glis :wink:



Cioè Bruce? Che vaschette usi?
Io uso gli stracci della vileda nelle vaschetta in alluminio. Il problema è che gli stracci dopo qualche mese si "ammosciano" in pratica quindi li cambio e vaschetta tendono a bucarsi dopo un tot di sedute. Direi che la miglior soluzione sarebbero le spugne che danno loro in dotazione più le vaschette che usi tu che da quanto dici sono molto meglio.
tony
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 788
Iscritto il: mer ott 15, 2008 5:51 pm

Re: to the other side

Messaggioda Davide H » ven giu 28, 2013 6:58 pm

Mi trovo scontertato
Ero convinto che non ci dovesse essere acqua libera ma totalmente imbevuta dalle spugne.
Questo spiega molte cose...
Grazie della dritta ;D
Davide H
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 2
Iscritto il: lun giu 10, 2013 5:18 pm

Re: to the other side

Messaggioda Bruce Lee » ven giu 28, 2013 8:01 pm

tony ha scritto:Cioè Bruce? Che vaschette usi?


col tempo ho affinato la mia tecnica, uso normalissime vaschette di plastica rigida comprate in un negozio di casalinghi. Non si bucano come invece accade con quelle in alluminio, si puliscono facilmente, durano fino a che non decidiamo di romperle e sono isolanti, quindi nel caso in cui ci sia umidità o bagnato sulla superficie ove sono collocate durante la seduta, non inficiano il trattamento. Sono più o meno di queste dimensioni: 25 x 15 e alte 6/7 cm. Le riempio secondo le necessità e durante la seduta sollevo spesso sia le mani che i piedi per farli avvolgere completamente dall'acqua. Ovviamente l'utilizzo delle vaschette in plastica mi ha permesso di eliminare le spugne. Le vaschette che uso io sono più o meno come quelle nell'immagine allegata. Le mie sono trasparenti ma questo cambia poco.

Immagine
Avatar utente
Bruce Lee
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 688
Iscritto il: mer dic 13, 2006 11:45 pm

Re: to the other side

Messaggioda tony » ven giu 28, 2013 11:26 pm

Bruce Lee ha scritto:
col tempo ho affinato la mia tecnica, uso normalissime vaschette di plastica rigida comprate in un negozio di casalinghi. Non si bucano come invece accade con quelle in alluminio, si puliscono facilmente, durano fino a che non decidiamo di romperle e sono isolanti, quindi nel caso in cui ci sia umidità o bagnato sulla superficie ove sono collocate durante la seduta, non inficiano il trattamento. Sono più o meno di queste dimensioni: 25 x 15 e alte 6/7 cm. Le riempio secondo le necessità e durante la seduta sollevo spesso sia le mani che i piedi per farli avvolgere completamente dall'acqua. Ovviamente l'utilizzo delle vaschette in plastica mi ha permesso di eliminare le spugne. Le vaschette che uso io sono più o meno come quelle nell'immagine allegata. Le mie sono trasparenti ma questo cambia poco.

Immagine



Non ho capito una cosa. Cosa usi come supporto se hai eliminato le spugne? Cioè metti le mani dentro l'acqua? Non ho capito questo passaggio.
tony
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 788
Iscritto il: mer ott 15, 2008 5:51 pm

Prossimo

Torna a Ionoforesi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 11 ospiti

cron