QUALCUNO USA IPERDR*MIC? - By Sofi

Forum sulla ionoforesi.

QUALCUNO USA IPERDR*MIC? - By Sofi

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:08 am

Sofi
Data del post: 16.10.2006 alle ore 16:38:26 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Ho fatto oggi la prima seduta(alle mani)e non avendo per ora letto nulla su questo macchinario mi domandavo se qualcuno lo usa...e se magari può darmi qualche informazione.Grazie
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:09 am

nuvoletta
Data del post: 16.10.2006 alle ore 22:14:20 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Ciao, benvenuta nel forum!
Personalmente non ho mai sentito nominare il tuo apparecchio... è un semiprof?
Se sì presumo che funzioni come tutti i semiprofessionali... quindi se hai bisogno di qualche informazione domanda pure!!! Ciao ciao
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:09 am

Fiordiloto
Data del post: 16.10.2006 alle ore 22:36:57 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Ciao, non conosco il tuo specifico apparecchio, ma ho utilizzato per 10 anni un semiprofessionale molto simile al tuo con buoni risultati!
Se hai dubbi sull'utilizzo o sulle modalità delle sedute, non farti scrupoli...
L'apparecchio dispone di vaschette, pertanto non avrai il problema di omogeneità di effetto che sarà progressivamente sull'intera mano, vedrai che alcune parti della mano risponderanno meglio e più facilmente, ma se prosegui le sedute con metodica e costanza, otterrai i risultati che aspetti in tempi ragionevoli. Per quanto riguarda l'intensità non superare quella che le tue mani sopportano, vedrai che funziona comunque!
Infine se hai piccoli abrasioni puoi proteggerle con micro applicazioni dei cerotti spry ... di cui tanto parla anche Mr._Punch nella sezione antitraspiranti al topic...antitraspiranti alternativi. Le piccole ferite possono con la ionoforesi dare bruciore eccessivo che diminuirebbe la tua resistenza alla terapia... inoltre isolare le eventuali ferite sulle mani con questo prodotto renderà isolata la parte anche con effetto antisudore
Ciao alla prossima!
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:10 am

Sofi
Data del post: 17.10.2006 alle ore 11:32:07 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Grazie Nuvoletta e Fiordiloto,
credo che sia un semiprofessionale.
Per curiosità, Fiordiloto, se non lo hai mai usato come fai a sapere che il tuo è simile al mio?Ne hai sentito parlare?
Vi spiego le mie perplessità...
Ho letto molti post di questo forum ed ho avuto modo di capire che non solo i tempi e i risultati variano molto da persona a persona, ma anche il funzionamento dei macchinari è diverso. Mi ha avviato verso la ionoforesi e verso questo forum un ragazzo che è stato veramente adorabile, e che ringrazio molto, ma usa un apparecchio diverso dal mio. Ieri, che come dicevo ho fatto la mia prima seduta(e mi ha aiutato lui)ho avuto qualche timore, perchè sul manuale di Iperdr*micc'è scritto che l'adattatore va scollegato prima della seduta, ma se lo stacco come passa la corrente?Io non l'ho staccato, ma se c'era scritto forse potrebbe essere pericoloso non farlo...Altro dubbio è che il mio "tutor"mi ha detto di fare l'inversione di tendenza a metà seduta, ma sul manuale non c'era scritto, forse per il mio macchinario non serve, (ma io l'ho fatta lo stesso). E poi 2-3 volte mi sono presa una scossetta, perchè pare che non si possano togliere le mani mentre il macchinario è in funzione, ma durante il trattamento pur tenendo i MA più o meno costanti(tra 8 e 11)in certi momenti non sentivo niente, ed in altri il formicolio saliva sulle braccia, e forse potrebbe essere pericoloso per il cuore?!Questo vuol dire che ogni volta che lo faccio dovrò schiavizzare qualcuno che tenga d'occhio la manovella e sia pronto a regolarla più volte nel corso della stessa seduta?E poi non so se con Iperdr*micsi può fare una mano per volta(così da essere indipendente) perchè ci sono due cavi da collegare alle due bacinelle di alluminio(uno pos.e uno neg.)ma se ne usassi uno non credo che il trattamento funzionerebbe...
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:10 am

nuvoletta
Data del post: 17.10.2006 alle ore 18:54:42 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------

Il 17.10.2006 alle ore 11:32:07, Sofi ha scritto:Ieri, che come dicevo ho fatto la mia prima seduta(e mi ha aiutato lui)ho avuto qualche timore, perchè sul manuale di Iperdr*micc'è scritto che l'adattatore va scollegato prima della seduta, ma se lo stacco come passa la corrente?



Evidentemente è un apparecchio che va a batterie come il B.
Non hai un carica batterie? Se si, devi caricarlo quando è scarico e poi usarlo senza attaccarlo alla presa di corrente.



Il 17.10.2006 alle ore 11:32:07, Sofi ha scritto:Altro dubbio è che il mio "tutor"mi ha detto di fare l'inversione di tendenza a metà seduta, ma sul manuale non c'era scritto, forse per il mio macchinario non serve, (ma io l'ho fatta lo stesso).



L'inversione è meglio se la fai, anche se non c'è scritto... quasi tutti noi facciamo così. Nemmeno sulle istruzioni del mio apparecchio c'era scritto ma ora l'hanno aggiunto...


Il 17.10.2006 alle ore 11:32:07, Sofi ha scritto:
E poi 2-3 volte mi sono presa una scossetta, perchè pare che non si possano togliere le mani mentre il macchinario è in funzione, ma durante il trattamento pur tenendo i MA più o meno costanti(tra 8 e 11)in certi momenti non sentivo niente, ed in altri il formicolio saliva sulle braccia, e forse potrebbe essere pericoloso per il cuore?!Questo vuol dire che ogni volta che lo faccio dovrò schiavizzare qualcuno che tenga d'occhio la manovella e sia pronto a regolarla più volte nel corso della stessa seduta?E poi non so se con Iperdr*micsi può fare una mano per volta(così da essere indipendente) perchè ci sono due cavi da collegare alle due bacinelle di alluminio(uno pos.e uno neg.)ma se ne usassi uno non credo che il trattamento funzionerebbe...



Non hai bisogno di qualcuno da schiavizzare!!!
Basta che metti l'apparecchio a terra e alzi l'intensità col piede: io faccio sempre così e mi trovo benissimo. E' facile... basta solo farci un pò di pratica. E poi da sola regoli meglio l'intensità! Che senti il formicolio di più a momenti è normale, può succedere. Le mani non le devi togliere quando l'apparecchio eroga corrente altrimenti senti le scosse di cui parli. Se senti dolore in alcuni punti vicino alle unghie, metti della vasellina

Per qualsiasi altra cosa chiedi pure... ciao ciao
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:11 am

Sofi
Data del post: 17.10.2006 alle ore 20:53:49 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Grazie Nuvoletta,
proverò la tecnica del contorsionismo per regolare l'intensità, anche se non mi sembra tanto facile!
Oggi ho fatto la seconda seduta e mi prudevano e bruciacchiavano un pò le mani, ma non avevo nessun taglio o abrasione,boh! Visto che sei così gentile approfitto per farti qualche altra domanda...è normale che senza toccare la manovella dell'intensità vedo che oscilla da sola anche di 2MA?E il formicolio dovrei sentirlo costantemente?Perchè oggi sentivo la corrente ad intermittenza, ogni tanto forte e ogni tanto per niente, e non so se è normale, se devo regolare la manovella in continuazione o lasciarla ad una certa intensità e funziona lo stesso anche se in certi momenti non sento niente...E poi quanta acqua devo mettere nelle bacinelle?Sul manuale c'è scritto di bagnare le spugne, ma se l'acqua non copre un pò anche la parte superiore delle mani non è che poi mi si asciugano sul palmo e continuano a sudarmi sopra?Mi sembra che qualcuno che usa dri*nic si è lamentato proprio di questo.Per fare l'inversione di tendenza senza prendere la scossa devo spegnere il macchinario o portare l'intensità a 0?E non mi dire che riesci a spostare con i piedi anche i cavetti?!
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Messaggioda valentina.li » gio gen 04, 2007 11:11 am

Fiordiloto
Data del post: 17.10.2006 alle ore 21:19:00 » Riporta Modifica

--------------------------------------------------------------------------------
Cara sofi,
.... il tuo apparecchio sono andata a vederlo sul sito... http://web.tiscali.it/euroage/art0143_descrizione.htm

Per quanto riguarda le manovre di aumento e diminuzione dell'intensità utilizzavo, come nuvoletta, i piedi immergevo le mani ad intensità 0 poi pian piano aumentavo fino a quando sentivo che la corrente passava ma senza esasperazione, ovvero mai oltre la sopportazione del pzzicorio.

Non ho mai fatto inversione ed ha sempre funzionato bene, infine non mi sembra sia a batterie ma ... dal sito si possono leggere tutte le caratteristiche tecniche
Ho chiesto al nostro Admin di aggiungere il tuo apparecchio tra quelli inseriti nella raccolta dei link!
Tienici aggiornati e non mollare!!!!!!!!!!!!!!!!
Avatar utente
valentina.li
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1210
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:10 am
Località: Livorno

Prossimo

Torna a Ionoforesi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron