domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Forum sulla ionoforesi.

domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Messaggioda Antonio » gio ago 23, 2007 7:34 am

Ciao a tutti,
da circa 4 anni uso un apparecchio semiprofessionale per porre rimedio alla forte iperidrosi palmare/plantare cui sono soggetto e devo dire di aver ottenuto risultati abbastanza soddisfacenti (sebbene una compensatoria sul viso e sul tronco).

Per ragioni di lavoro mi capita di andare all'estero, anche per periodi più lunghi di un mese, per cui sento l'esigenza di avere con me l'apparecchio per fare le sedute di mantenimento, altrimenti dopo 15-20 giorni ricomincio a gocciolare.

Il mio semipro. è piuttosto ingombrante, ma dalle foto che ho visto sul web il Dri*lle mi sembra sufficientemente piccolo per essere messo in valigia. Prima di affrontare la spesa, dal momento che ho già un apparecchio, vorrei avere qualche dettaglio in più, che non sono riuscito a reperire dal web. Qualche felice possessore del Dri*lle può aiutarmi??

Ecco le mie domande:

- Dimensioni (altezza x lunghezza x profondità) e peso?

- Funziona solo a batterie ricaricabili (quante e di che tipo?) o anche collegato alla rete elettrica?

- Il caricabatterie (o alimentatore) è incluso? E' possibile collegarlo alla rete elettrica 110V AC o supporta solo la 220V?

- Immagino che abbia una manopola per regolare l'intensità di corrente, vero?

- La manopola si deve azionare con il piede, quando entrambe le mani sono in vaschetta? Si riesce o è difficoltoso?

- Ha un eventuale timer che interrompe la corrente quando scade il tempo?

Grazie mille per l'aiuto!

ciao
Antonio
Antonio
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mer ago 22, 2007 6:54 am

Re: domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Messaggioda Bylbo » mar ago 28, 2007 8:33 am

Ecco le mie domande:

- Dimensioni (altezza x lunghezza x profondità) e peso? Al momento sono fuori casa, comunque è molto piccolo e leggero, ideale per l'utilizzo come strumento da viaggio. Se ti servono dati più precisi posso darteli...

- Funziona solo a batterie ricaricabili (quante e di che tipo?) o anche collegato alla rete elettrica? Funziona con batterie ricaricabili realizzate appositamente per l'apparecchio (se ti servono maggiori dettagli devo verificarli a casa...).

- Il caricabatterie (o alimentatore) è incluso? E' possibile collegarlo alla rete elettrica 110V AC o supporta solo la 220V? Il cb è incluso nel prezzo e supporta solo 220V. Penso non sia difficile trovare un cb a 110V.

- Immagino che abbia una manopola per regolare l'intensità di corrente, vero? Si, esatto.

- La manopola si deve azionare con il piede, quando entrambe le mani sono in vaschetta? Si riesce o è difficoltoso? Si,ed è abbastanza facile.

- Ha un eventuale timer che interrompe la corrente quando scade il tempo? No. A metà seduta devi invertire i cavetti e a fine seduta devi spegnere manualmente.

Fammi sapere se hai bisogno di info più precise.

Ciao
"Tutto è difficile prima di essere semplice"
Avatar utente
Bylbo
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 649
Iscritto il: gio dic 14, 2006 8:38 pm
Località: Genova

Re: domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Messaggioda Antonio » mer ago 29, 2007 10:50 pm

Ciao Bylbo,
grazie ancora per aver risposto.

Bylbo ha scritto:- Funziona con batterie ricaricabili realizzate appositamente per l'apparecchio (se ti servono maggiori dettagli devo verificarli a casa...).


Dopo quante ore circa bisogna ricaricare le batterie?

Bylbo ha scritto:- Il cb è incluso nel prezzo e supporta solo 220V. Penso non sia difficile trovare un cb a 110V.


Credo di no, ma dipende dalle caratteristiche del caricabatterie. E' di quelli tipo alimentatore, in cui bisogna collegare un jack all'apparecchio o quelli che hanno il vano batterie?
Nel primo caso mi aiuterebbe capire se il jack è di tipo standard oppure "personalizzato" per l'apparecchio e i Volt che eroga in uscita... in genere sono scritti sul caricabatterie stesso.

ciao
Antonio
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mer ago 22, 2007 6:54 am

Re: domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Messaggioda Bruce Lee » gio ago 30, 2007 9:39 am

ciao Antonio e benvenuto nel Forum :wink:,
rispondo anch'io ad alcune delle tue domande, cercando di aggiungere altre informazioni a quelle gia fornite da Bylbo.

Antonio ha scritto:- Dimensioni (altezza x lunghezza x profondità) e peso?

15,5x8x5,5 (cm. ovviamente), il peso è di 500 gr. a cui vanno aggiunti altri 500 gr. circa tra caricabatterie e cavetto.
Antonio ha scritto:- Funziona solo a batterie ricaricabili (quante e di che tipo?) o anche collegato alla rete elettrica?

funziona solo con la batteria interna (non l'ho mai aperto, quindi non so dirti di che tipo è) e deve essere sconnesso dalla rete elettrica durante l'utilizzo. Di solito la ricarico dopo 3 o 4 ore di trattamento per non rischiare di rimanere "a secco" durante una seduta. Ma dura sicuramente di più.
Antonio ha scritto:- Il caricabatterie (o alimentatore) è incluso? E' possibile collegarlo alla rete elettrica 110V AC o supporta solo la 220V?

supporta solo la 220. Non so se esistono in commercio adattatori da frapporre tra il caricabatterie e la linea elettrica a 110V.
In ogni caso è un normale alimentatore da collegare all'apparecchio, la tensione d'uscita è di 7,2 Vcc e lo spinotto è di tipo standard, ti segnalo un link dove puoi vederlo http://img292.imageshack.us/img292/7152/im000718ix3.jpg.
Tieni presente che la Bielsan sconsiglia l'utilizzo di altri alimentatori.
Antonio ha scritto:- Immagino che abbia una manopola per regolare l'intensità di corrente, vero?

Si. Per essere più precisi, c'è un selettore per scegliere due diverse scale: "x1" e "x2" e c'è la manopola, ruotando la quale, regoli la corrente da 0 a 10 mA o da 11 a 20 mA a seconda della scala selezionata.
Se hai bisogno di altre info, chiedi pure.

A presto
Avatar utente
Bruce Lee
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 688
Iscritto il: mer dic 13, 2006 11:45 pm

Re: domande per chi ha jonom*d Dri*lle

Messaggioda Antonio » gio ago 30, 2007 6:33 pm

Bruce Lee ha scritto:supporta solo la 220. Non so se esistono in commercio adattatori da frapporre tra il caricabatterie e la linea elettrica a 110V.
In ogni caso è un normale alimentatore da collegare all'apparecchio, la tensione d'uscita è di 7,2 Vcc e lo spinotto è di tipo standard, ti segnalo un link dove puoi vederlo http://img292.imageshack.us/img292/7152/im000718ix3.jpg.


Si, esistono trasformatori dalla 220V alla 110V. Certo sarebbe stato più comodo averlo tutto in un pezzo. Inoltre la tensione di uscita, 7.2V, è di tipo
"non standard" nel senso che i normali adattatori universali AC/CC che si trovano ovunque in commercio per quanto ricordi non supportano quel tipo voltaggio in uscita. Ma tant'è...

Bruce Lee ha scritto:Tieni presente che la Bielsan sconsiglia l'utilizzo di altri alimentatori.


Già questo lo scrivono tutti, ma credo perché vogliano che i pezzi non più funzionanti vengano sostituiti da loro. Economia di mercato.

Grazie ancora per le vostre risposte!

ciao
Antonio
Novizio
Novizio
 
Messaggi: 3
Iscritto il: mer ago 22, 2007 6:54 am


Torna a Ionoforesi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 3 ospiti

cron