Mani fredde, sudate e screpolate

Domande, dubbi ed esperienze di chi soffre di Sudorazione eccessiva

Moderatore: luigi

Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda nihil » dom giu 27, 2010 4:49 pm

Ciao,

Premetto che soffro di iperidrosi palmare ma molto dipendente dagli stati emotivi, non è costante durante tutto il giorno (adesso ad esempio non sto sudando :-))

Ho letto su vari siti che il problema iperidrosi palmare può essere associato anche a mani fredde a dita blu ecc (tipo sindrome di Raynaud). Io ho questo problema soprattutto d'inverno: mani gelate. Giro con guanti pesanti perché le mani tendono a screpolarsi sul dorso (non sul palmo ovviamente!) ed a sudare sul palmo (sempre in condizioni di stress ecc. ecc.) Sul dorso inoltre sono costretto ad usare la crema neutrogena (sembra un controsenso rispetto al nostro problema) per evitare che si fessurino (sulle nocche tendono ad arrossire ad a spaccarsi addirittura). D'estate questo problema migliora, il dorso non si arrossa più ed ovviamente sono molto più calde che d'inverno. In estate non uso creme idratanti.

Volevo sapere se anche voi avete esperienze simili o se il mio è un caso di iperidrosi E sindrome di Raynaud contemporanee.

Grazie
nihil
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: mer giu 02, 2010 10:21 am

Re: Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda Blue Velvet » dom giu 27, 2010 6:26 pm

nihil ha scritto:Volevo sapere se anche voi avete esperienze simili o se il mio è un caso di iperidrosi E sindrome di Raynaud contemporanee.

E' comune a tutti noi.
La disfunzione del simpatico causa problemi di microcircolazione sanguigna alle mani, e anche ai piedi talvolta. Alle estremità del corpo insomma.

Per quanto riguarda il discorso della screpolatura d'inverno, non c'entra l'iperidrosi.
Un mio amico in inverno aveva le mani screpolate e distrutte almeno quanto le mie.
E non era iperidrotico.
"La Repubblica, una e indivisibile [...]" (art. 5 Cost.)
Avatar utente
Blue Velvet
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1208
Iscritto il: sab feb 21, 2009 4:58 pm
Località: Milano

Re: Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda nihil » dom giu 27, 2010 9:10 pm

Ok. Mi domandavo questo perché i problemi di spaccatura ecc. li ho sul dorso, non sul palmo. Il dorso non ha ghiandole sudorifere. Comunque in estate il dorso delle mani e la temperatura delle mani sono perfette. Se dovessi operarmi di ETS T3 è probabile che dovrò iniziare ad usare la crema idratante anche in estate ed anche sul palmo presumo.
nihil
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: mer giu 02, 2010 10:21 am

Re: Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda grazianodnc » mar giu 29, 2010 6:18 pm

ciao nihil,
anche io avevo il tuo stesso problema d'inverno, mani sempre screpolate sul dorso con eritema, a me la mano in generale diventava blu-viola sul dorso.
Con l'intervento ho risolto anche questo inconveniente, in quanto presumo sia dovuto cmq alla troppa idratazione sempre presente, quindi con il freddo e il vento soprattutto la pelle al contrasto tra caldo-umido e freddo si screpola.
Quello che noto dopo l'intervento oltre alle mani asciutte e molto più calde di prima, i piedi sono sempre caldi anche d'inverno almeno per il momento, prima erano sempre congelati.
Cmq anche il dorso della mano ha le ghiandole sudoripare, in minor misura del palmo ma ci sono.
Probabilmente con la T3 la pelle del palmo ti si potrebbe fissurare per i primi anni, in un modo tale da richiedere l'uso di creme idratanti; dopo un paio d'anni la pelle ritorna sana senza sudare; dico probabilmente perchè non tutti hanno lo stesso esito dall'intervento.
Con questo non voglio assolutamente incoraggiarti a fare l'intervento anzi, pensaci bene perchè non è un 'semplice' interventino.
Se il tuo problema è costituito 'solo' dall'iperidrosi alle mani prova la ionoforesi, dà buoni risultati a sentire chi usa questo metodo.
Tieni presente che l'intervento va sì a togliere il sudore eccessivo, ma causa anche una vasodilatazione periferica; ciò vuol dire che se sei di carnagione chiara il viso ti si arrosserà 'facilmente e marcatamente' per stimoli quali: caldo, freddo, sbalzi di temperatura, alcool, digestione; almeno finchè la vasodilatazione o il controllo delle vene non viene assunto da altri gangli, ma ci vogliono alcuni anni.
Perciò valuta bene, l'intervento ha i suoi pro e i suoi contro.
ciao.
..:Saluti:..
grazianodnc
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 109
Iscritto il: ven feb 02, 2007 8:06 pm

Re: Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda nihil » mer giu 30, 2010 10:46 am

Grazie a tutti, pensavo di avere anche la sindrome di Raynaud. :-)

Io soffro di iper palmo-plantare (ma dei piedi non mi frega molto). Fidati che se vuoi suonare uno strumento musicale con l'iper palmare è una tortura.

La mano avrà ghiandole sudoripare anche il dorso ma non mi capita mai di averlo bagnato, saranno di qualche ordine di grandezza inferiori a quelle del palmo.

Tieni presente che l'intervento va sì a togliere il sudore eccessivo, ma causa anche una vasodilatazione periferica; ciò vuol dire che se sei di carnagione chiara il viso ti si arrosserà 'facilmente e marcatamente' per stimoli quali: caldo, freddo, sbalzi di temperatura, alcool, digestione; almeno finché la vasodilatazione o il controllo delle vene non viene assunto da altri gangli, ma ci vogliono alcuni anni.


Sì, sono di carnagione piuttosto chiara.
Non ho capito, praticamente hai una sorta di rossore simile a quello che provoca l'eritrofobia? L'ETS non dovrebbe in teoria risolvere anche il problema del rossore?

A me la punta del naso già diventa rossa per il freddo (non per il caldo).

Questo effetto collaterale non mi pare presente in tutti gli operati né segnalato dai chirurghi (al contrario della compensatoria). Strano.
nihil
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 9
Iscritto il: mer giu 02, 2010 10:21 am

Re: Mani fredde, sudate e screpolate

Messaggioda abax » mar ago 10, 2010 5:53 pm

Ciao Nihil,
anche a me col freddo vengon piccole ferite sul dorso delle mani, tanto che devo a mia volta usar una crema idratante.
nihil ha scritto:Non ho capito, praticamente hai una sorta di rossore simile a quello che provoca l'eritrofobia? L'ETS non dovrebbe in teoria risolvere anche il problema del rossore?

A quanto ne so, quel che va a diminuire è il "flash" dovuto a stati emotivi (diciamo, la parte del rossore "eritrofobica"). Tuttavia, incrementa il rossore di base (la parte "eritrosica". Per questa ragione, chi ha l'eritrosi non dovrebbe operarsi prima di averla risolta, a mio avviso, ma qui questo discorso è OT).
nihil ha scritto:A me la punta del naso già diventa rossa per il freddo (non per il caldo).

Sì, credo al naso succeda per il freddo e l'alcool.
nihil ha scritto:Questo effetto collaterale non mi pare presente in tutti gli operati né segnalato dai chirurghi (al contrario della compensatoria). Strano.

Credo sia opportuno cercar info da più fonti. Mi par naturale che un professionista tenda a vedere e presentar il proprio rimedio in maniera positiva...
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4507
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia


Torna a Iperidrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 9 ospiti

cron