FORUM IPERIDROSI ERITROSI ERITROFOBIA

Oggi è gio ott 19, 2017 9:02 pm

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 6 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: TOPIC RIMEDI 1
MessaggioInviato: dom dic 17, 2006 9:21 am 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
Scrive Donald Duck:

Cita:


Sono ancora bene impressi in me quei momenti in cui in preda alla rassegnazione e alla paura di parlare del mio problema a qualcuno cercavo, con quel poco di speranza che mi era rimasta, qualche informazione che mi potesse aiutare; e quale posto è meglio di internet per questo? Già, sulla rete puoi trovare tutte le informazioni che vuoi senza essere costretto a parlare con qualcuno; non che ci sia nulla di male a chiedere informazioni a qualcuno, basta essere educati e cortesi. Al massimo non sapranno risponderti ma non è mica una tragedia questa no ? Che problema c'è ? Non è forse vero che il problema in fondo è solo quello ?
Educati e cortesi si, e con un poco di fortuna avrai le risposte che cercavi. Anche un bambino è in grado di farlo, niente di più semplice !!! Ma forse, tu che stai leggendo non la pensi esattamente così ....... Hai già una leggera tachicardia al solo pensiero di dover chiedere informazioni. Per non parlare poi della paura che ti assale quando ti trovi costretto a farlo davvero.
Paura sì; di paura si tratta. Hai paura che da un momento all'altro arriverà di nuovo quella vampata di calore che sale incontrollabile fino al tuo viso facendolo infuocare tra le espressioni divertite e allo stesso tempo sorprese di chi ti sta vicino. E' già successo in passato, e sai che riaccadrà di nuovo se non fai qualcosa per evitarlo. Vuoi sconfiggere questa maledetta paura con tutto te stesso ma ahimè, non è così semplice. Hai bisogno di aiuto è chiaro....... L'aiuto di qualcuno che possa capirti, che conosca il tuo problema, che ti dica ciò che vorresti sentirti dire : d'ora in poi non ti accadrà più, d'ora in poi anche tu potrai parlare ad un tavolo pieno di persone senza arrossire come un semaforo e grondare dalla fronte come una fontanella, d'ora in poi sarai come tutti gli altri ....... "normale". Se stai leggendo questo post caro compagno di ventura sei sulla strada buona. Sei approdato in un gruppo di amici che condividono il tuo stesso problema e che saranno felicissimi di aiutarti per quanto è loro concesso. Non siamo medici né psicologi né santoni ma sappiamo bene cosa si prova in quei momenti. Le paure, le mille scuse, la voglia di sparire, le umiliazioni e infine la tristezza per essere stati condannati a ciò. Sappi da subito che la strada non sarà semplice e che incontrerai molte difficoltà in questa tua nuova battaglia. La regole sono solo due:

1) NON ARRENDERTI MAI
2) CHIEDI AIUTO QUANDO SEI IN DIFFICOLTA'

Ora passiamo a cose più concrete. E' da quando hai cominciato a leggere che muori dalla voglia di sapere come accidenti fare per quel tuo stupido rossore; ancora poche righe e lo saprai, ma bada bene.....
La bacchetta magica non esiste e le scorciatoie portano spesso verso dei baratri. Qua troverai diverse soluzioni al tuo problema, alcune drastiche altre flessibili, alcune più efficaci altre meno, altre temporanee altre durature..... sta solo a te scegliere la tua.
L'importante è essere consapevoli di quello che si sta facendo, usare sempre la zucca e fare della moderazione una propria virtù. Queste poche regole dovrebbero bastare per non complicarti le cose da solo. RICORDATI SEMPRE CHE per qualsiasi chiarimento, ulteriore informazione e, cosa più importante di tutte a mio avviso,quando sei giù puoi contare su di noi !!!!


In questo topic troverete soluzioni al problema eritrofobia (non eritrosi, per quella c'è una sezione apposta). Tali soluzioni provengono dall'esperienza di alcuni utenti del forum e sono state riordinate e messe insieme dai due moderatori della sezione: NESSUNO di noi è un medico o ha competenze in tale campo, quindi usate questo topic per farvi un'idea delle possibili soluzioni da intraprendere ed inoltre:
1. Consultate SEMPRE il vostro medico riguardo ai possibili farmaci che avete intenzione di prendere,
2. Sebbene per le creme non ci sia bisogno di ricetta medica, usatele come indicato, senza eccedere o strafare
3. Se volete farvi qualche lampada state molto attenti all'intensità e alla durata delle sedute, l'eritrofobia potrebbe malauguratamente tramutarsi in eritrosi

Insomma, il consiglio generale è di non buttarvi a capofitto su una soluzione che potrebbe sembrarvi la migliore, ma considerare tutti i pro e i contro e consultare sempre un medico competente evitando il "fai da te".

Buona lettura



Ultima modifica di abax il sab feb 03, 2007 12:42 pm, modificato 3 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: psicoterapie
MessaggioInviato: dom dic 17, 2006 9:22 am 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
La psicoterapia, cioè la cura della mente, promette risultati duraturi se non addirittura permanenti. Unico effetto collaterale: portafoglio alleggerito di molto (variabile, dai 40 ai 100 euro a seduta da privati). Esistono diversi tipi di psicoterapia e ognuno è libero di stabilire quale sia la migliore per sè.


PSICOTERAPIA TRANSAZIONALE

L'analisi transazionale è una forma di psicoterapia inventata da Eric Berne (Stati Uniti) agli inizi degli anni '60, portata poi in Italia verso la fine degli anni '60 stessi da Carlo Moiso, psicoterapeuta residente a Roma, e diffusa successivamente in tutta la penisola. Eric Berne descrive il comportamento umano sotto forma di giochi che ciascuno di noi mette in atto nell'arco della propria esistenza. Nel libro-base dell'analisi transazionale ("A che gioco giochiamo?") si cerca di evidenziare tutte le tipologie di transazioni che le persone possono adottare. Lo psicoterapeuta dovrà individuare in ciascun paziente quali sono le transazioni negative che mette in atto e che producono sofferenza al paziente stesso. La personalità di ciascun individuo è schematizzata in tre parti principali (GENITORE - ADULTO - BAMBINO), ciascuna delle quali entra in azione con ognuna delle parti di un'altra persona quando si incontrano. Esistono delle transazioni positive che vanno a buon fine (diciamo, "normali"), ed altre negative, perchè producono sofferenza. La psicoterapia può durare dai tre ai sette anni, a seconda della collaborazione del paziente e della bravura dello psicoterapeuta. Si svolge con una seduta settimanale, che nei primi tempi è individuale terapeuta-paziente. Successivamente, quando il terapeuta lo ritiene opportuno, dopo un periodo che in genere va dal 3° al 10° mese, il paziente viene inserito all'interno di un gruppo di circa 6-7 persone. Due o tre volte l'anno si partecipa a delle "maratone" (una specie di "full immersion" di tre giorni in cui vengono "sgrossati" i problemi più tosti di ogni paziente), in cui il gruppo può arrivare a circa 12-13 persone. Il costo oggi è di circa 110-120 euro a seduta per l'individuale e scende a circa 80-90 euro se il paziente viene inserito in gruppo. I benefici possono essere anche immediati, ma comunque sono progressivi. Terminata la terapia, le "ricadute" sono rare, e risolvibili con una seduta individuale.

PSICOTERAPIA ANALITICA/PSICANALISI

La psicoterapia analitica e la psicoanalisi mirano a curare il problema alla radice ponendosi come obiettivo la realizzazione della persona. La durata è variabile a seconda dell'entità del problema ma visti i risultati sperati resta una delle più lunghe. Per i casi più gravi si può arrivare anche a 10 anni di terapia; dipende molto dalle condizioni in cui ci si presenta dal terapeuta.
Si vanno ad analizzare non i sintomi dell'ansia ma le cause scatenanti, andando a scandagliare nel profondo; si toccano tematiche anche molto delicate, lati nascosti della propria personalità, quindi può essere molto dura.
I risultati ci sono non solo per quanto riguarda la fobia legata al rossore stesso, ma anche per il benessere psichico dell'individuo in generale, aumentando l'autostima e l'amor di sé del paziente . E' indicata per chi ha problemi abbastanza radicati, e può permettersela.
E' meglio, infatti, non approcciarsi a tale terapia se non si intende dedicarle almeno un anno intero, e ricordarsi che comporta un dispendio di denaro non indifferente e prolungato nel tempo.
Altro fattore da prendere seriamente in considerazione è che se la si interrompe bruscamente se ne sente terribilmente la mancanza.

PSICOTERAPIA COGNITIVO COMPORTAMENTALE

Mira a stroncare il sintomo e cioè il rossore, magari anche a modificare le proprie emozioni in materia; è molto più breve (nell'ordine dei mesi) delle altre ma non curando alla radice il problema (nel nostro caso un disagio psicologico), il malessere alla base potrà comunque continuare a tormentarci... E' indicata quindi per quei soggetti che non hanno gravi conflitti interiori da risolvere, o hanno fretta, o non navigano nell'oro...

PSICOTERAPIA BREVE STRATEGICA

L'approccio è esattamente l'opposto della psicoterapia analitica: cura i sintomi e le fobie trascurando le cause scatenanti. Tra le varie terapie brevi, si caratterizza per il "focus" sull'azione immediata. Si vanno infatti ad insegnare tecniche ed "escamotages" per la gestione dell'ansia e l'eliminazione del rossore.
Qui l'ostacolo principale è che con molta costanza ogni giorno bisogna dedicare tempo e fatica alla ripetizione degli esercizi: è un allenamento mentale continuo! Peraltro, alcuni esercizi sono anche bizzarri, ma comunque posson risultare molto impegnativi e stressanti. E' più il lavoro da fare a casa da soli che quello fatto nello studio dello specialista.
Molto costoso (anche 100 euro a seduta), ma dà risultati in tempi molto più brevi anche se non risolve il problema alla radice, ed è utile per superare anche gli attacchi di panico senza l'utilizzo di farmaci.


Ultima modifica di abax il dom dic 17, 2006 9:34 am, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: farmaci
MessaggioInviato: dom dic 17, 2006 9:23 am 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
PSICOFARMACI

I più indicati per il nostro caso sono gli inibitori della serotonina (SSRI) e le benzodiazepine. I primi sono di recente introduzione e quindi non se ne conoscono ancora bene tutti gli effetti collaterali; cominciano a fare effetto dopo i primi venti giorni e vanno assunti per circa tre mesi. Stando a quanto dicono gli psichiatri dovrebbero stroncare il sintomo del nostro disagio interiore cioè il rossore. La letteratura relativa agli SSRI è scarsa.
Per quanto riguarda le benzodiazepine invece queste sono più blande come categoria di farmaco, ma rimangono pur sempre psicofarmaci. Non vantano proprietà curative ma riescono ad aiutarci nei momenti peggiori. Servono a stroncare la nostra ansia e di conseguenza il circolo vizioso che ci porta al rossore.
Si dividono in quelle a rapido assorbimento e breve durata e quelle a lento assorbimento e a lunga durata. A seconda della situazione che si deve affrontare si sceglie una o l'altra soluzione. Da sole non possono essere considerate un rimedio definitivo al problema; il consiglio è quello abbinare gli psicofarmaci a una psicoterapia. Usando le benzodiazepine con criterio e moderazione queste si comporteranno come "salvagente" per i momenti più brutti; facendone un uso sconsiderato e soprattutto senza controllo medico (per intenderci tutti i giorni tutto l'anno) rappresenteranno invece un condanna. Infatti, col tempo daranno assuefazione costringendo ad assumere dosi sempre maggiori per ottenere risultati sempre più scarsi. L'augurio è che, usando la testa, nessuno capiti in quella situazione.
Riguardo lo stato di attenzione, una volta assunte benzodiazepine questo rimane pressoché inalterato a patto che non si esageri con la dose. Sarà possibile studiare e lavorare come prima. Nel caso si debba guidare la regola è la stessa di sempre: andate piano e non ci saranno problemi.

BETABLOCCANTI

Non sono degli psicofarmaci e quindi non agiscono sulla psiche. Evitano la tachicardia e la vampata di calore improvvisa; hanno un effetto che dura all'incirca sei ore , dopodiché la loro efficacia tende a diminuire: dopo 12 ore, non ce n'è più traccia nel sangue. Non alterano in alcun modo le emozioni, se non per il fatto che non ti aspetti di arrossire e che il cuore parta a mille: evitano, quindi, che si generi il circolo vizioso, perché molto probabilmente nessuno ci vedrà arrossire e noi lo sappiamo, ma la sensazione di disagio può comunque esserci, così come non è esclusa la possibilità di andare "nel pallone". E' chiaramente necessario, come per gli psicofarmaci, sentire il parere del proprio medico prima di decidere se assumerli o meno.
Effetti collaterali: rallentano il battito cardiaco, perciò posson far sentire fiacco, non andrebbero assunti la sera a meno che non si vada a dormire tardi perchè dormendo il battito cardiaco rallenta naturalmente e potrebbe creare problemi. Inoltre, non vanno assunto da chi ha problemi cardiaci e/o respiratori, nè prima di fare sport perché è "doping", e può favorie la psoriasi.
REPETITA IUVANT: è fondamentale, sia per gli psicofarmaci che per i betabloccanti, consultare un medico. Peraltro, è necessaria la "ricetta".


Ultima modifica di abax il dom dic 17, 2006 9:33 am, modificato 1 volta in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: rimedi "estetici": creme e lampade
MessaggioInviato: dom dic 17, 2006 9:25 am 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
Questi 2 argomenti sono forse tra quelli che più accomunano eritrofobia ed eritrosi. Se volete saperne di più sull'eritrosi o comunicare con persone che abbiano/abbiano avuto questo problema, potete dare un'occhiata alla sezione apposita del forum:




CREME

Esistono creme che sono in grado di creare uno strato color carne che rende invisibile o quasi il rossore. Fastidio a parte non dovrebbero comportare effetti collaterali.
Tutta la linea Avene contiene l'omonima acqua termale dalle proprietà lenitive e decongestionanti: utilizzata in maniera costante irrobustisce gli ultimi strati dell'epidermide rendendo meno visibile il rossore.
La migliore è la crema per pelli intolleranti. La crema coprente più famosa che si trovi in farmacia in Italia è comunque la Dermablend.

LAMPADE

Si parte dal presupposto che arrossire da un colorito cadaverico sia molto più evidente che da una pelle già un po' abbronzata e colorita.
Una lampada la settimana per massimo 4/5 settimane di fila, poi sosta di altrettante settimane. Tempo di esposizione massimo 10/12 minuti utilizzando sempre una protezione alta: meglio raggiungere il risultato con calma e con una lampada in più che bruciarsi, cosa che in inverno è fastidiosissima perchè crea un sacco d'ansia.
Qualche consiglio: la doccia è sempre più forte del lettino, andare in centri che utilizzano macchinari dell'ultima generazione meglio se con i nuovi filtri antirossore, mettere abbondante crema lenitiva sul viso dopo, non utilizzare MAI stimolatori di melanina o attivatori perchè sono privi di protezione e si esce cotti!
Attenzione: le lampade posson favorire l'eritrosi, quindi anche in questo caso è necessario rivolgersi prima a uno specialista (in questo caso, un dermatologo). Inoltre, come per i farmaci, si tratta di una "stampella", non di una soluzione definitiva al problema!


Ultima modifica di abax il mer set 26, 2007 9:25 am, modificato 2 volte in totale.

Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: simpatectomia toracoscopica
MessaggioInviato: dom dic 17, 2006 9:30 am 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
L' ETS, ovvero SIMPATECTOMIA ENDOSCOPICA TORACICA, è la soluzione più drastica a cui possiate ricorrere. Il consiglio è di vederla sempre ed esclusivamente come ultima spiaggia. E' utilizzata anche contro l'iperidrosi. Si tratta di un intervento chirurgico, che dunque, ancora una volta, non si cura dell'aspetto più "profondo" del problema. Per saperne di più sull'ETS, potete andare sulla sezione apposita del forum:


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Ippoterapia
MessaggioInviato: mar gen 08, 2008 9:08 pm 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4484
Località: Reggio Emilia
Il cavallo e l'equitazione come risoluzione a problemi di stress o a malattie che implicano il movimento sono noti fin dal II secolo A.C.
Essere a contatto con un animale come il cavallo, una preda (quindi portato alla fuga), che sente le emozioni del cavaliere che lo conduce e reagisce di conseguenza, insegna a essere padroni di sè stessi, responsabilizza (in quanto esso si affida completamente al cavaliere), spinge a imparare a controllare le proprie emozioni in qualunque situazione e induce a uno stato di tranquillità e scioltezza anche fisica.
Quando ci troviamo in sella a un cavallo -enorme, stupendo, veloce- e questo si spaventa per qualcosa (un qualcosa magari per noi sciocco, come una sedia o un pezzo di carta che svolazza al vento), se noi rimaniamo tranquilli e lo accarezziamo rincuorandolo, possiamo pensare che la nostra paura di arrossire non è poi così diversa da quella (che ci pare sciocca) dell'equino, quindi: se può superarla lui (GRAZIE A NOI), cosa ci impedisce di farlo noi? Noi che siamo così forti da dare coraggio a un animale di 500 kg?
Per saperne di più:
http://www.ministerosalute.it/caniGatti ... 7&menu=pet

_________________
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 6 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it