FORUM IPERIDROSI ERITROSI ERITROFOBIA

Oggi è dom dic 17, 2017 1:33 am

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: mar gen 12, 2016 6:57 pm 
Non connesso
Novizio
Novizio

Iscritto il: mar gen 12, 2016 6:26 pm
Messaggi: 1
Ciao a tutti quanti, mi presento: sono una ragazza di 23 anni e come voi soffro fortemente di eritrofobia.
Mi sto sentendo una regina a potermi rivolgere a qualcuno mettendomi in primo piano: accade solo perchè sono dietro ad uno schermo, (e che bella sensazione non sentire la mia pelle che cambia).
Nella vita mi occupo di qualcosa che non mi affascina molto, nell'anima sento di essere irrimediabilmente dal mondo dell'arte. Mi ritengo, talvolta, una persona a cui non manca nulla, se mi guardo con lucidità, fuori e dentro. Ma la triste verità è che mi nascondo sotto molto trucco da quando avevo 15 anni e quando guardo allo specchio la vera faccia che ho, appassisco dentro e sento una depressione della mia autostima gigante, conscia che quella è la faccia che si accenderà non appena gli verrà rivolta parola.
Da piccola ero tendenzialmente timida, poi crescendo mi sono fatta largo nelle microsocietà che attraversano la nostra adolescenza e grazie allo sport ho acquisito moltissima sicurezza. Capita poi che un bel giorno, ancora in terza media, mi prendo una cotta per un ragazzo della mia età con cui pochi anni prima facevo la preziosetta. Questo ragazzo è stato, indirettamente, la matrice di questo disagio che mi occlude la mente e ogni voglia. Da lì iniziai ad arrossire più frequentemente; poi mi sono estraneata dalle amicizie che avevo perchè sentivo di non reggere accanto a loro che già frequentavano ragazzi più grandi. Così inizia la grande era della frequentazione del mondo virtuale e dell'attaccamento morboso ad idoli adolescenziali che condividevo con altre decine e centinaia di persone con il resto degli utenti. Ho passato 2/3 anni davanti al computer tra forum e giochi (come the sims, per avere una vita sociale virtuale). L'unica mia vita sociale si riduceva allo sport; al liceo cercavo di nascondermi sotto i miei capelli perchè dal primo anno in poi il problema del rossore è andato peggiorando (adesso pagherei oro per trovarmi ancora a quello stadio). Ad ogni appello in classe, ogni domanda rivoltami, ogni interrogazione mi accendevo come un fuoco; devo dire però che non sono stata emarginata praticamente mai da nessuno. Al terzo anno di superiori inizio a soffrire (in modo perfettamente conscio e senziente) di anoressia, il che mi porta a mirare ad un obbiettivo che mi avrebbe liberato da diverse pippe mentali (quelle maniglie dell'amore che credevo di avere) e mi avrebbe fatto spiccare fra tanti, alta come sono e così magra. Riesco nell'impresa e per 4 anni abbondanti sto bene (ringrassando nel frattempo perchè resami conto di quanto fosse stupido voler essere un mucchietto d'ossa). Cresco, vado all'università a Roma, conosco moltissima gente, divento spigliata, mi sento abbastanza bella. Poi torno al mio paesino d'origine e inizia a crollare il castello di carte. Giorno dopo giorno la mia eritrofobia peggiora, soprattutto da quando, fidanzata da un anno, il mio ragazzo inizia a dubitare in qualche modo di me, anche solo per gioco, e io mi lascio assalire dall'incertezza, e persino io stessa non sono capace a credere in ciò che dico in modo che risulti quello che è, nonchè niente altro che la verità! Continua questa storia e la gelosia mi tarpa, nei rapporti con gli amici maschi, nei rapporti con le ragazze che vedo sempre meno per non fare torti (che poi non lo sarebbero e sono solo pippe mie). In seguito a qualche uscita qua e là che mi ha messo in imbarazzo, se si ripresentano le stesse circostante, mi imbarazzo di nuovo. Per esempio mi parli di tizio pour parler e io arrosisco senza motivo, la prossima volta che vedrò tizio o me ne parlerai, arrossirò. E così, aumentando le occasioni e ripetendosi le circostanze, da qualche mese a questa parte la situazione è sfuggita al mio controllo: io, per niente pudica, se sento fare una battutina a sfondo sessuale a qualcuno in un supermercato a metri di distanza divento rossa. Se mi si interpella a tavola divento rossa. Persino se lo fa mia madre. Se mi chiedi come sta qualcuno divento rossa; se si parla di me o di terze persone divento rossa. Se mi dici che il tuo ragazzo ti ha tradito o che ti sei lasciata divento rossa, se mi dici che hai fatto sesso divento rossa, se mi guardi qualcosa in faccia divento rossa, se poi mi parli di qualche mio ex divento viola. E' una vita di mer*a. Io sto rimandando tutto ciò che voglio fare nella mia vita compreso fare dell'arte il mio lavoro e circondarmi di persone che amo per la paura di arrossire o per il fatto di essere arrossita. Ah dimenticavo: se qualcuno diventa rosso io divento più rossa di lui. Credo che le volte in cui sia stata presa in giro si possano contare sulle dita di una mano, e per questo mi ritengo fortunata, ciò non toglie che anche le persone che provano al loro meglio a non darti a vedere che sono attoniti per quanto si possa diventare rossi, non ci riescono, e tu leggi nei loro occhi: ma che ca...??? Ed è quello il momento in cui il mio cervello, in confusione completa da minuti, (parlo ma non riesco neanche a dare un senso a ciò che dico mentre arrossisco), pensa: madonna quanto mi vorrei grattare via la faccia intera, battere la testa al muro, avere un sacchetto in testa. La cosa peggiore è quando provo a mascherarlo e non ci riesco minimamente (vedi starnuti finti, cercare cose nella borsa che non esistono, fingere di aver dimenticato qualcosa di importante, fingere che ti chiamino, fingere che sia colpa di uno scrub). Sono stanca di vivere così perchè infondo al mio cuore io credo in ciò che voglio essere fra 10 anni e se fosse per me anche da domani, la mia anima sta stretta dove sto e per come la custodisco. Scusate il mio essere stata tanto prolissa ma ho riscoperto oggi la realtà dei forum dopo poco meno di 10 anni di lontananza e soprattutto sto qui a parlarvi di una storia che in vita mia non ho mai raccontato a nessuno, anche se è sotto gli occhi di tutti, e mi sento felice di sentirmi libera di poterlo fare.
Grazie a chi è qui e fa sentire meno solo ognuno di noi.
Ciao.
N


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: sab gen 16, 2016 9:51 pm 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4487
Località: Reggio Emilia
Cara Nau,

innanzitutto benvenuta! :smile:

Spero ti possa rispondere anche qualche donna, che magari sarebbe in grado d'immedesimarsi meglio. Io, oltre a essere un uomo, ho anche 12 anni più di te, e mi spiace molto che tu non abbia scoperto il forum da adolescente (io già ero moderatore qui 10 anni fa...). Certo voi "nativi digitali" avete avuto la possibilità di essere in contatto virtuale col resto del mondo sin dall'adolescenza, cosa che può esser stata d'aiuto ma avervi anche allontanato ulteriormente dai contatti con persone in carne ed ossa...

Che dirti: anche a me ultimamente è cominciato a capitarmi qualcosa di simile, e cioè che, se succede qualcosa, resto in imbarazzo con quella persona. E anche a me l' "eritro" comparve per via d'una ragazza: la mia classe delle Medie mi sfotteva dicendo che mi piaceva, e io diventavo viola. Così dopo facevano apposta a dirlo, per ottenere quell'effetto.

Posso anche dirti però che quello fu solo l'evento scatenante: in realtà il problema deriva dall'immondizia che m'han messo in testa i genitori nell'infanzia e adolescenza, da cui purtroppo non sono ancora riuscito a liberarmi, nonostante non demorda.

Positivo tu ti renda conto la gente non ti discrimini e quasi mai te lo faccia notare: sei realista, e riconosci che il problema sta solo nella nostra testa; molto bello anche tu sappia cosa vuoi.
Peccato però tu non riesca a confidarti con nessuno: credo almeno col tuo ragazzo (che tu ce l'abbia o no ora: col prossimo, in caso) o colla migliore amica (sempre in caso tu l'abbia) dovresti farlo. E soprattutto mi spiace tu sia condizionata così tanto dal problema nelle tue scelte di vita. Hai visto i topic dei rimedi?

Abax

_________________
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: dom gen 24, 2016 3:48 pm 
Non connesso
Esperto
Esperto

Iscritto il: ven set 18, 2009 9:15 pm
Messaggi: 176
Benvenuta,
ogni volta che si legge di qualcuno che soffre di questo problema, non si fa altro che rileggere se stessi, perchè ci si ritrova in tutto o quasi tutto quello che viene descritto.
A volte però penso come sia possibile che su questo forum non ci siano centinaia di utenti attivi, il che sarebbe una cosa positiva, significherebbe maggior confronto e di conseguenza maggior conforto, però come si suol dire, meglio qualcuno che nessuno (lo so, è una mia citazione :lol: )
Comunque da quanto ho capito, non hai mai provato una terapia; per quanto mi riguarda sono stato in terapia per 2 anni, e qualche miglioramento l'ho avuto, e se avessi la disponibilità economica (anche se in realtà esistono anche le ASL) anche ora tornerei a sfogarmi dei miei problemi con una persona (lo faccio già con la mia ragazza, ma non riesce come è giusto che sia a comprendere a fondo il problema).
Anche io ho 23 anni, e penso (mi potrei sbagliare) che questo non sia un periodo facile per chi come noi soffre di questo problema, le solite domande ti circolano in testa: <troverò un lavoro?>, <che lavoro farò?>, <sarà un lavoro che mi porterà ad arrossire spesso>.
Son sincero, non se se mai si troverà una cura che eliminerà il problema, bisogna stringere di denti e andare avanti, circondarsi di gente che ti faccia sentire a proprio agio, e cercare il meno possibile di pensare negativo, quante volte infatti non accade ciò di cui ti eri preoccupata anche giorni prima?
Ecco, la verità è che passiamo la maggior parte del tempo a pensare a problemi che poi magari non accadranno.

Se ti trovi in una situazione potenzialmente pericolosa, e senti di essere in disagio, prova a pensare: <ma perchè sono in disagio?>,
<mi trovo in mezzo a persone come me>, <c'è chi è più ricco, chi più colto, chi più bello, chi più simpatico, ma siamo tutte persone>.
La soluzione al problema (non solo al nostro, ma a tutti i problemi) secondo me è il fregarsene, la gente che se ne frega vive meglio, mi viene in mente un personaggio, il presidente della Sampdoria, sembra un matto, ma secondo me (poi potrei sbagliarmi), lui se ne frega, la gente pensa che sia un matto, e lui se ne frega.

Quindi dobbiamo giorno dopo giorno, lavorare su questa cosa, dobbiamo fregarcene e vivere la vita con più leggerezza-

Comunque hai provato il primer verde, io sono un ragazzo ma l'ho provato qualche volta, e devo dire che funziona abbastanza....cioè tu guarda cosa deve fare un ragazzo pur di nascondere il rossore :lol:

Un saluto Nau
e un saluto anche ad abax


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: lun gen 25, 2016 10:44 pm 
Non connesso
Veterano
Veterano

Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Messaggi: 4487
Località: Reggio Emilia
Ciao Gigixy!

Credo che il forum si sia spopolato perchè rispetto al decennio scorso esistono molte più alternative, che si son sviluppate per effetto dell'evoluzione della comunicazone online, ma anche per via forse della necessità di comunicare che hanno avuto "eritro" e "iper" in periodi in cui il forum soffriva di problemi tecnici.

Concordo con te sul fatto che fregarsene (ovviamente nei limiti del rispetto degli altri) aiuti; purtroppo però non si tratta solo di una decisione razionale: a volte sappiamo che certe cose non han senso, ma purtroppo proviamo emozioni in contrasto con quanto pensiamo...

Abax

_________________
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: lun gen 25, 2016 11:54 pm 
Non connesso
Esperto
Esperto

Iscritto il: ven set 18, 2009 9:15 pm
Messaggi: 176
hai ragione, è questa la cosa più negativa, non avere il controllo sulle emozioni.
Ma una soluzione al problema deve pur esserci :(
Comunque tu abax hai mai provato il primer verde?


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: mar gen 26, 2016 12:04 am 
Non connesso
Esperto
Esperto

Iscritto il: ven set 18, 2009 9:15 pm
Messaggi: 176
io comunque sono curioso di sapere quante persone soffrono di questo problema, girando su internet (esempio facebook o nel resto del web), non ci sono tante testimonianze


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio: Re: Salve, la mia storia
MessaggioInviato: mar gen 26, 2016 9:59 am 
Non connesso
Principiante
Principiante

Iscritto il: mar gen 12, 2016 11:40 am
Messaggi: 6
Ciao, difficilmente troverai testimonianze sui social perché il nostro è un problema che tendiamo a nascondere .. Meno gente sa che ne soffriamo e meglio stiamo.. Inoltre, se ci pensi,ai più, risulta difficile parlare di questa fobia a conoscenti/parenti.. Piu spesso si cerca di risolvere le cose da soli, non cercando l'aiuto di chi si conosce .. Sotto c'è la pura di essere giudicati, fraintesi,derisi... Invece parlarne sarebbe veramente un buon modo per affrontare il problema.. Io poco fa mi sono totalmente aperta con un mio amico, non ho più alcun problema a confidarmi con lui e le sue parole di conforto mi fanno star bene! Mi incoraggiano... Mai nessuno mi ha capito quanto lui.. Nemmeno il mio ragazzo o migliori amiche! :(


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Apri un nuovo argomento Rispondi all’argomento  [ 11 messaggi ]  Vai alla pagina 1, 2  Prossimo

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 4 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
cron
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBB.it