respirazione

Paura di arrossire, esperienze a confronto tra chi soffre di questo disturbo.

Moderatore: abax

respirazione

Messaggioda fragolina » gio gen 24, 2013 11:09 pm

ciao ragazzi!
tutta questione di respirazione.
impariamo a respirare bene e risolveremo i nostri problemi di eritrofobia e molti altri.
informatevi.
un abbraccio
non pentirti, non giudicarti, sei quello che sei e non c'e niente di piu bello al mondo!!!
fragolina
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 19
Iscritto il: mar set 18, 2007 9:52 am
Località: torino

Re: respirazione

Messaggioda PeterPan71 » ven gen 25, 2013 12:36 am

Ciao fragolina, grazie del suggerimento.
Ci potresti dire in che modo respirare oppure dove informarci.
Nessuno è nato sotto una cattiva stella
ci sono piuttosto persone che non guardano il cielo
(Dalai Lama)
Avatar utente
PeterPan71
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio gen 25, 2007 12:15 am

Re: respirazione

Messaggioda ettore » dom gen 27, 2013 8:24 pm

sarei interessato... anche secondo me c'è una qualche connessione...
ettore
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 7
Iscritto il: lun gen 01, 2007 7:37 pm

Re: respirazione

Messaggioda fragolina » dom gen 27, 2013 9:42 pm

la respirazione corretta è quella diaframmatica.
io sto facendo un corso di rilassamento e respirazione ma non sono in italia.
nei momenti di ansia si tratta di focalizzare l'attenzione sul respirare correttamente poi col tempo si impara a respirare e avviene naturalmente.
ovviamente in associazione a questo dobbiamo tenere un attitudine mentale di "me ne frego e lascio che gli eventi accadano, l'unica cosa che conta è la mia calma interna" non so se mi spiego, dobbiamo fare in modo che niente ci tocchi e questo sembra impossibile ma io vi garantisco che si puo, bisogna ridurre al minimo i pensieri che fanno scattare l'anisia è un lavoro tanto lungo quanto efficace.
vi consiglio di leggere "il potere di adesso" di Eckhart Tolle che da ottimi consigli su come "spegnere" la mente.
è una lotta con il "giudice" interno che sta sempre li a giudicarci e farci sentire quella pressione fastidiosissima, ecco dobbiamo fare in modo di non pressionarci e di ricercare sempre la calma interna.
bisogna trasformare ogni pensiero negativo con uno positivo, non bisogna lasciarne passare neanche uno negativo. all'inizio è faticoso non bisogna crederci per forza ma solamente riprogrammare la nostra mente con frasi positive sulla propria persona, in modo da alzare l'autostima.
prima di diventare rossi si verifica una condizione nel corpo che se si lavora con la respirazione e i pensieri positivi si riesce a non arrossire.
esmpio pratico: c'è un evento scatenante, il corpo si irrigidisce, iniziare a respirare profondamente e a pensare "va tutto bene, non c'e nessun problema"
la mente ci da dei campanelli di allarme come per dirci "attento c'è un pericolo!" perchè si ricorda che in passato c'è stato e quindi lo fa per proteggerci, poi si blocca il corpo la respirazione e infine si sfoga nel viso, pero se ci rilassiamo appena sentiamo quel fastidio a livello del petto riusciamo ad evitare di arrossire, ci vuole molta pratica e tantissima pazienza.
vi consiglio di cercare su youtube video di Roy Martina, Bruce Lipton, programmazione neuro linguistica, il linguaggio del corpo di Andrea Favaretto........
spero essermi spiegata bene.
non pentirti, non giudicarti, sei quello che sei e non c'e niente di piu bello al mondo!!!
fragolina
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 19
Iscritto il: mar set 18, 2007 9:52 am
Località: torino

Re: respirazione

Messaggioda PeterPan71 » lun gen 28, 2013 1:12 am

Ciao fragolina, ti sembrerà strano ma proprio qualche giorno fa, girovagando su Youtube mi sono imbattuto in qualche video su Tolle, sembra uno strambo ma poi se ti fermi un attimo a pensare a quello che dice ci resti.
Quello che in fondo dice è proprio la nostra storia, noi viviamo o nel passato o nel futuro, pensiamo sempre a quello che ci è accaduto o pensiamo a quello che accadrà o potrebbe accadere, e oramai siamo così bravi che lo facciamo talmente veloce che perdiamo l'istante, il senso dell'adesso.
Per quanto riguarda la PNL (programmazione neurolinguistica) ho provato ad addentrarmici, leggendo ed informandomi, ma mi sembra più adatta a persone "normali" per accrescere le loro potenzialità, piuttosto che a persone come noi in continua lotta con un nemico infido e subdolo, capace di abbattere in un attimo il lavoro si settimane o mesi.
Certo ciò non toglie che con l'impegno giusto e perseverante non si possano avere risultati soddisfacenti.
Comunque grazie per la risposta e spero di rileggerti presto.
Nessuno è nato sotto una cattiva stella
ci sono piuttosto persone che non guardano il cielo
(Dalai Lama)
Avatar utente
PeterPan71
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 23
Iscritto il: gio gen 25, 2007 12:15 am

Re: respirazione

Messaggioda eddie » mer gen 30, 2013 11:19 am

non conoscevo Tolle, ho letto un po' in giro e credo proprio che acquisterò quel libro. grazie fragolina di averlo consigliato!

io invece ho letto un altro libro, scritto in un modo forse più "simpatico" ma non per questo meno serio, che giunge alla stessa conclusione: si chiama "Come smettere di farsi le seghe mentali e godersi la vita" di Giulio Cesare Giacobbe. ve lo consiglio ;)
Avatar utente
eddie
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 93
Iscritto il: mer gen 04, 2012 8:55 pm

Re: respirazione

Messaggioda abax » sab mar 23, 2013 10:34 pm

Ciao ragazzi,

grazie delle vostre segnalazioni!
Io ho avuto a che fare, quando avevo 19 anni, con il gruppo di Roy Martina e Favaretto, ma non m'hanno dato altro che un po' di euforia (ovviamente passeggera). Di certo, se dovessi mettermi a praticare la PNL, lo farei seguendo altre guide (non mi piace il modo di lavorare e di trattare i clienti di quel gruppo, almeno della sua versione italiana). Per quanto riguarda il dirmi frasi positive: per me fu una cosa estremamente dura, e dopo 2 settimane la sospesi perchè proprio non ce la facevo più.

Il libro "Il potere di adesso" me l'ha consigliato una mia amica (che tra l'altro un tempo scriveva sul forum).

Il libro di Giulio Cesare Giacobbe l'ho letto e l'ho trovato poco attinente al mio caso. Di fatto, focalizza tutto sulla necessità di diventar adulti, e fin lì sarei d'accordo. Ma poi, fa coincidere tale passaggio all'età adulta con l'andare a vivere da soli. E lì proprio non fa al caso mio: se c'è una cosa che mi terrorizza, è il dover tornare a vivere con 1 dei miei 2 genitori (o con entrambi alternativamente: sono separati).

Abax
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4499
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia


Torna a Eritrofobia, Eritrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti