Soluzioni naturali

Paura di arrossire, esperienze a confronto tra chi soffre di questo disturbo.

Moderatore: abax

Soluzioni naturali

Messaggioda Neve79 » dom gen 29, 2012 5:27 pm

Salve a tutti mi chiamo Azzurra e ho sofferto di vampate fino a 20 anni e adesso mi è rimasta la pura fobia di arrossire , solo sfiorarne il pensiero e scoprire questo forum mi arriva la vampata! hauhhaa bisogna riderci su primo consiglio!!!!
Sono una persona con una grande contraddizione interna nel senso che ho una timidezza (solo ereditaria), ormai diventata una vera e propria FOBIA alla quale si abbraccia a una forte determinazionee, voglia di primeggiare, una buona dose di egoismo, poco ascolto dell'altro, anche arroganti, noi volgiamo tutto e subito .....eeeeeee come si fa!!!!
All'80 % fino a oggi penso di aver risolto parte di questa disavventura perchè così bisogna definirla ( Leggendo le vostre testimonianze mi rincuorano però mi fate sentire addosso anche una sorta di claustrofobia). Ho 30 anni e visto che sono all'80% della soluzione..fate un pò di calcoli e penso che presto ne uscirò definitivamnte, oggi arrossisco ancora ma massimo per due secondi mentre prima arrossivo e addirittura mi restavano segni indelebili per 1 o due ore!
Arrossire ,secondo la mia esperienza, è solo una forma di immaturità e poca conoscenza di se stessi... E A DIR IL VERO AVER VISSUTO ANCORA TROPPO POCO ! E' una forma di debolezza mentale, una mela acerba colta prima del tempo (ciò vuol dire che se siamo arrossiti in una situazione significa che nn siamo pronti ancora per tale situazione, o per una determinata battuta, una bugia , una gaff, un errore pratico a lavoro, una telefonata improvvisa o un discorso in gruppo....se nn siamo appropriati a portare dei tacchi a spillo perche si perde l'equilibrio, eeeeee mica siamo tutti ugualiiiii e perchè mai ci dobbiamo imporre per forza quello che fanno gli altri. Quindi innanzitutto RISPETTARE SE STESSI E VOLERSI BENE ed essere anche capaci a dire NO! :No io in quella pizzeria nn ci entro perche la climatizzazione è sbagliata e la colpa non è nostra se si arrossisce é colpa del gestore che non è attento e consapevole del servizio che offre...quindi perde un cliente e mi dispiace per lui! Quindi mettere dei paletti anche a delle persone e situazioni che nn rispettano la nostra sensibilità....tutto a beneficio della nostra dignità umana!
Quindi ritornando alla debolezza mentale è solo equivalente al fatto che dobbiamo maturare delle cose e magari chi ha più bisogno di tempo e chi meno, quindi ognuno si gestisca la vita e gli incontri come meglio può , opportunamente rispettando i propri tempi! Mai sentirsi in colpa perchè non si è all'altezza della situazione...rispettate e accettate i vostri tempi!

Punto fontamentale della soluzione è:
IMPEGNOOOO e niente di più!

I miei Consigli pratici:
-mai mangiare prima di andare a dormire perchè la mattina ci si sveglia privi di autocontrollo e di conseguenza a scuola o in ufficio alla prima emozione arriva la vampate (anche una forte risata) perchè non si ha controllo di sè!
-Svegliarsi presto
-fare jogging tutta la stagione estiva...si ha un colorito eccezionale e si scarica la sudorazione!
-se vi chiedono di parlare in pubblico dite sempre la veritààà....o se siete bravi ribadendo la verità al 100% tipo: in questo momento m'imbarazza esprimermi! Se dovete fare un esame eeeee a noi tocca alla fine oppure a volte a me è capitato di mettermi prima in lista per risultare la più coraggiosa e questo nn mi ha fatto arrossire anzi mi è stato di stimolo!!!! Oppure dite al prof appena seduti che siete molto emozionati e tutto svanirà!
(Lo so ci vuole autostima ma cos' è l' autostima di cui tanto se ne parla????guardatevi allo specchio e se siete brutti datevi na sistemataaaaaaaaaaa.... )

-spesso si arrossisce perche si fa difficoltà a usare le parole , allora imparate più vocaboli possibili per diventare disinvolti e ne saprete più degli altri mettendo invece in imbarazzo chi vi sta di fronte....quindi STUDIATEEEEEEEEEEEEE
-indossate le maglie verde pistacchio...del colore del testo!
La paura nn si vincerà mai fino a quando nn si attraverserà la strada....

-Però un fondotinta lo consiglio anche io...hahaha dunque è una crema colorata al cetriolo e al limone dell'ERBOLARIO che quando lo metto mi spegne tuttooooo....è molto compatto ,non si spalma ma si picchietta e non lascia affatto l'effetto maschera!!!! Ovviamnte prima di stenderlo sempre mettere sul viso una crema base idratante (chi vuole consiglio anche la crema e dipende dal tipo di pelle( possibilmente presa sempre in Erboristeria!) e infine un velo di cipria steso con pennellone ,...mi raccomando dorare le guance ,la fronte e il mento con una cipria più scura (dorata effetto estivo ma mmmoooolto leggero tipo il colore della terra ma nn la terra! attenzione!!!!!)
Io sono bionda okki verdi e quando mi vedono nessuno si accorge che sono truccata...

Indispensabilie l'acqua termale Avène!!!


Inoltre tanta Fede in Dio perchè se si arrossisce e perchè Lui ci vuole far capire qualcosa e ognuno di noi deve coltivare la propria conoscenza di se e del proprio peccato( questo però un'argomento che apre un altro capitolo)....chi è senza peccato scagli la prima pietra!!!! Vabbè cmq ritornando a noi detta in parole povere...se ci vergogniamo di un non so che...c' è qualcosa che nn sappiamo di noi ed è bruttissimo.

La vita è meravigliosa e nn consumiamola con la preoccupazione di arrossire, viviamola in ogni secondo avendo la padronanza del proprio corpo e poi delle proprie emozioni...con consapevolezza e attenzione non si può arrossire assolutamente, gli altri sanno sfuggire le occasioni un pò meglio di noi..tutto qua!

E' difficile siii eh ehehe ma bisogna impegnarsi e nn lasciarsi andare alla pigrizia: LA PRIGRIZIA E I PIACERI FUTILI DELLA VITA SONO la radice di questa sventura per chi è coinvolto.

Finisco dicendo che all' 70% della gente arrossisce chi più e chi meno ma tutti arrossiscono fateci caso e aprite gli okki diventate voi vigili sul colore della pelle di chi vi sta difornte ..il restante 30% ha un colorito verde grigio....blhhhhhèèèèèèèèè hauhauahuahua.
Anche io la vivo malisssiiiimoooo ma cerco sempre di essere ottimistaaaaaa , ironizzare sempre e dire sempre la Veritààà .
Un abbraccio stretto a tutti e lasciate la possibilità di farvi amareeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

Vi voglio bene .......
Ultima modifica di Neve79 il gio feb 02, 2012 4:29 pm, modificato 1 volta in totale.
Neve79
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 8
Iscritto il: dom gen 29, 2012 4:55 pm

Re: Soluzioni naturali

Messaggioda red face » gio feb 02, 2012 12:26 am

Bel Post, ottimi consigli, alcuni già li conoscevo, ma per quanto riguarda l'acqua termale Avene a quale ti riferisci e che uso bisogna farne?
Grazie Ciao
red face
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 31
Iscritto il: gio ott 22, 2009 2:49 pm

Re: Soluzioni naturali

Messaggioda Neve79 » gio feb 02, 2012 4:35 pm

Acqua termale Avène spray....spruzzarla sempre sulla pelle pulita!..anche s e non si è rossi.
Entra bene nei pori ! La sostituisco all acqua del rubinetto o comunque la uso dopo aver usato il detergente..è sempre l'ultimo passaggio della trafila della pulizia viso o comunque prima di mettere le creme basilari e poi passare al trucco!

http://www.avene.it/prodotti.ctr?idcat=1&idscat=21


Acqua termale Avène
Composizione e azione
Acqua termale avène 100%: grazie alle sue proprietà lenitive ed anti-irritanti dona immediato
sollievo alla pelle sensibile.
Agente propellente: azoto, gas inerte non infiammabile che rispetta lo strato di ozono.
Senza conservanti.
In sintesi
Prelevata in connessione diretta dalla sorgente e confezionata in blocco sterile, l’acqua termale avène
preserva intatte le sue caratteristiche originarie di purezza, mantenendosi così del tutto priva di ceppi
batterici o microrganismi patogeni.
L’acqua termale avène è ideale per le pelli sensibili e fragili.
Avvolge la pelle in un delicato velo lenitivo, donando una piacevole sensazione di sollievo e
benessere.
Consigli d’uso
• Polverizzare generosamente l’Acqua termale Avène sulla pelle.
• Lasciar agire qualche istante prima di tamponare delicatamente.
Ultima modifica di Neve79 il gio feb 02, 2012 4:41 pm, modificato 1 volta in totale.
Neve79
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 8
Iscritto il: dom gen 29, 2012 4:55 pm

Re: Soluzioni naturali

Messaggioda Neve79 » gio feb 02, 2012 4:39 pm

IL MIO PROSSIMO ACQUISTO: crema Avène che rafforza il microcircolo

http://www.avene.it/prodotti.ctr?idcat=1&idscat=20

Soin Antirougeurs Crema ricca
Composizione e azione
Una base formulativa comune per due texture:
Acqua termale avène: naturalmente attiva, ad effetto lenitivo e addolcente.
Solfato di destrano: ad azione decongestionante, attenua i rossori diffusi.
Esperidina metil Calcone: agisce sul microcircolo cutaneo.
Estratto di rusco: svolge un’azione venotonica.
Etilesilmetossicinnamato e tinosorb m: fotoprotettori (SPF10).
Fase nutritiva (olio di Cartamo, squalano): forma un sottile strato protettivo.
Emulsione O/A. Senza parabeni. Formula ipoallergenica, non comedogena.
In sintesi
Due trattamenti che rispondono in modo completo alle necessità delle pelli soggette a rossori.
Le pareti dei vasi sono rinforzate, il microcircolo è normalizzato e il gonfiore ridotto, la pelle è
protetta dal sole e dalle aggressioni climatiche.
Consigli d’uso
La mattina, su pelle perfettamente detersa con la Lozione detergente per pelli intolleranti e lenita con
Acqua termale Avène Spray.

ahhah, l'ultimo consiglio è quello che vi ho dato anche io..
Neve79
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 8
Iscritto il: dom gen 29, 2012 4:55 pm

Re: Soluzioni naturali

Messaggioda abax » gio gen 31, 2013 12:25 am

Mi spiace Neve non sia più sul forum: vorrei sottolineare alcune cose che ha detto che reputo molto interessanti e/o mi han colpito/incuriosito, e scriverò cmq rivolgendomi a lei.
Neve79 ha scritto:Salve a tutti mi chiamo Azzurra e ho sofferto di vampate fino a 20 anni e adesso mi è rimasta la pura fobia di arrossire , solo sfiorarne il pensiero e scoprire questo forum mi arriva la vampata!

A me è capitato qualcosa di simile, tornando sul forum dopo lunga assenza, col sudore alle mani: per la serie, basta il pensiero...
Neve79 ha scritto: Sono una persona con una grande contraddizione interna nel senso che ho una timidezza (solo ereditaria), ormai diventata una vera e propria FOBIA
In realtà ho assistito a una Conferenza poco più d'un anno fa dove si spiegava che alcuni problemi psicologici legati al comportamento sociale son frutto dell'interazione tra geni e ambiente. Mi spiego: supponiamo che ci sia una madre che fa sentir i figli sicuri dell'attaccamento: allora no problem. Se invece la madre fa sentire incerto il figlio incerto dell'attaccamento a lei, allora dipende dalla sua predisposizione genetica: se è fortunato, non svilupperà il problema; se no, se lo ritroverà.
Al di là di questo e del tuo caso, spesso sul forum s'è riscontrata la presenza di certe situazioni ambientali che c'han portato a sviluppare l' "eritro"...
Neve79 ha scritto:alla quale si abbraccia a una forte determinazionee, voglia di primeggiare, una buona dose di egoismo, poco ascolto dell'altro, anche arroganti, noi volgiamo tutto e subito .....eeeeeee come si fa!!!!

Straquoto: e infatti parlo spesso di "esibizionismo represso" qui, e di come la fobia sia come intervenuta a frenare questa nostra aggressività. Pensa che io, avendo, soprattutto a partire dai 20 anni, imparato sempre meglio a mascherare tale aggressività, appaio come l'opposto, a chi non mi conosce in profondità...

Arrossire ,secondo la mia esperienza, è solo una forma di immaturità e poca conoscenza di se stessi... E A DIR IL VERO AVER VISSUTO ANCORA TROPPO POCO ! E' una forma di debolezza mentale, una mela acerba colta prima del tempo (ciò vuol dire che se siamo arrossiti in una situazione significa che nn siamo pronti ancora per tale situazione, o per una determinata battuta, una bugia , una gaff, un errore pratico a lavoro, una telefonata improvvisa o un discorso in gruppo....se nn siamo appropriati a portare dei tacchi a spillo perche si perde l'equilibrio, eeeeee mica siamo tutti ugualiiiii e perchè mai ci dobbiamo imporre per forza quello che fanno gli altri. Quindi innanzitutto RISPETTARE SE STESSI E VOLERSI BENE ed essere anche capaci a dire NO! :No io in quella pizzeria nn ci entro perche la climatizzazione è sbagliata e la colpa non è nostra se si arrossisce é colpa del gestore che non è attento e consapevole del servizio che offre...quindi perde un cliente e mi dispiace per lui! Quindi mettere dei paletti anche a delle persone e situazioni che nn rispettano la nostra sensibilità....tutto a beneficio della nostra dignità umana!
Quindi ritornando alla debolezza mentale è solo equivalente al fatto che dobbiamo maturare delle cose e magari chi ha più bisogno di tempo e chi meno, quindi ognuno si gestisca la vita e gli incontri come meglio può , opportunamente rispettando i propri tempi! Mai sentirsi in colpa perchè non si è all'altezza della situazione...rispettate e accettate i vostri tempi!

Ok, diciamo che l'eritro è dovuta a situazioni irrisolte, e che il fatto di non sentirsi in colpa e non deprimersi di fronte alle vampate è condivisibilissimo (anche se ovviamente non facile, soprattutto a causa dei tanti condizionamenti che abbiam ricevuto, soprattutto nell'infanzia e adolescenza...).

-se vi chiedono di parlare in pubblico dite sempre la veritààà....o se siete bravi ribadendo la verità al 100% tipo: in questo momento m'imbarazza esprimermi! Se dovete fare un esame eeeee a noi tocca alla fine oppure a volte a me è capitato di mettermi prima in lista per risultare la più coraggiosa e questo nn mi ha fatto arrossire anzi mi è stato di stimolo!!!! Oppure dite al prof appena seduti che siete molto emozionati e tutto svanirà!
(Lo so ci vuole autostima ma cos' è l' autostima di cui tanto se ne parla????guardatevi allo specchio e se siete brutti datevi na sistemataaaaaaaaaaa.... )
[...]
La paura nn si vincerà mai fino a quando nn si attraverserà la strada....

Va beh: l'aspetto è importante, ma ci sono anche altri elementi. Direi che spesso ci sentiam inadeguati, per l'aspetto o altro. Ma condivido i 2 aspetti del tuo discorso: da un lato bisogna non esagerare facendo cose troppo "oltre" quel che siamo in grado di sopportare al momento, dall'altro però dobbiamo anche dimostrar coraggio ogni tanto, sia confessando (magari scherzando, magari in modo indiretto e/o parziale, essendo la cosa difficile) il problema, sia tentando a volte di sfidar la paura di fronte a situazioni "a rischio". Insomma: trovar il giusto mezzo, evitando gli estremi di chiudersi in casa ed evitar il mondo per sempre da una parte, e buttarsi subito in situazioni di super-imbarazzo dall'altro.
Inoltre tanta Fede in Dio perchè se si arrossisce e perchè Lui ci vuole far capire qualcosa e ognuno di noi deve coltivare la propria conoscenza di se e del proprio peccato( questo però un'argomento che apre un altro capitolo)....chi è senza peccato scagli la prima pietra!!!! Vabbè cmq ritornando a noi detta in parole povere...se ci vergogniamo di un non so che...c' è qualcosa che nn sappiamo di noi ed è bruttissimo.

Ok, diciamo che il discorso va bene per chi ha fede. Per chi non crede in Dio, resta cmq valido il discorso della vampata, dell'imbarazzo come segnali che c'è qualcosa che non va e che dovremmo approfondire, cercando di capire cosa non accettiamo, cos'è che ci fa sentire "sbagliati", in colpa...
Anche io la vivo malisssiiiimoooo ma cerco sempre di essere ottimistaaaaaa , ironizzare sempre e dire sempre la Veritààà .

M'è capitato d'una mia collega (molto carina, tra l'altro) che mi chiese perchè ero rosso, e lei dissi che mi capita spesso, e di non farci caso. E anche scherzare sulle proprie debolezze credo sia una mossa giusta...

Abax
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4509
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia

Re: Soluzioni naturali

Messaggioda abax » sab feb 02, 2013 6:18 pm

Faccio un'aggiunta a quanto detto in precedenza: c'è un altro punto interessante nel discorso di Neve. Infatti, ci son situazioni dove magari arrossiamo perchè ci troviam in contesti che non sono i "nostri", con persone con cui non ci sentiam a nostro agio.
A volte sono situazioni "obbligatorie" (tipo lavoro o parenti), però è giusto chiedersi, in quel caso, se forse non sia il caso di frequentare altre persone, o cercare un altro lavoro (non dico licenziarsi perchè, con la difficoltà a trovar lavoro oggi, sembrerebbe [email protected]).
In ogni caso, si tratta di capire qual è il segnale che il nostro corpo ci sta inviando quando arrossiamo...
"United we stand, divided we fall"
"It is not our differences that divide us. It is our inability to recognize, accept, and celebrate those differences" (Audre Lorde).
abax
Veterano
Veterano
 
Messaggi: 4509
Iscritto il: gio dic 14, 2006 3:14 am
Località: Reggio Emilia


Torna a Eritrofobia, Eritrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 5 ospiti

cron