razza inutile

Paura di arrossire, esperienze a confronto tra chi soffre di questo disturbo.

Moderatore: abax

razza inutile

Messaggioda BIJOUX » mar nov 10, 2009 2:55 pm

secondo voi perchè le persone come noi vengono viste come diverse, però in senso negativo, in fin dei conti è proprio questa diversità che ci rende unici, perchè dobbiamo essere sfacciati ad ogni costo? purtroppo in questo mondo non c'è posto per i timidi, o comunque per gli eritro, perchè dobbiamo essere noi a piegarci al mondo e adeguarci alla massa e non il contrario,chi dice che non siamo noi migliori degli altri? Solo perchè siamo un minoranza, una sorta di razza inutile da eliminare? scusate la negatività ma mi sono proprio rotta!
BIJOUX
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 57
Iscritto il: gio nov 05, 2009 2:35 pm

Re: razza inutile

Messaggioda Blue Velvet » mar nov 10, 2009 4:38 pm

Momenti di negatività capitano a tutti ogni tanto, perciò non preoccuparti di scusarti. :wink:

perchè dobbiamo essere noi a piegarci al mondo e adeguarci alla massa e non il contrario,

Provo a risponderti. Secondo me, perchè i modelli culturali proposti dalla società, non vanno nella direzione dei timidi, ma in tutt'altra direzione, dunque la gran parte delle persone si adegua di conseguenza. Mi rendo conto che sia un pensiero un po' banale, ma forse è un certa fetta della società, che è fin troppo banale.

La questione più importante è, secondo me, la qualità della comunicazione, non la quantità, ma si tende a privilegiare quest'ultima, rispetto alla prima.

Tutto sta nel trovare un proprio equilibrio, tra la natura timida e riservata, e la natura socievole.


Volevo chiuedere inserendo alcune righe trovate su Wikipedia, che forse non c'entrano molto col discorso da te fatto, però allorchè le lessi un po' di tempo fa, mi ci ritrovai subito, quindi le ho messe. Riguarda l'introversione, che so bene non essere una condizione necessaria per essere eritrofobici, ma credo (lo dico col beneficio del dubbio) che la maggior parte degli eritrofobici, siano anche un po' introversi, non tanto magari perchè lo fossero originariamente, ma proprio perchè la fobia, a lungo andare, li ha portati ad esserlo.
La prima parte riguarda gli aspetti positivi (anzi, wikipedia li definisce "potenzialmente positivi", ma io toglierei il "potenzialmente") della condizione di introverso, la seconda parte quelli negativi.
Ho inserito queste righe, anche a dimostrazione del fatto che non siamo per niente una razza inutile, anzi. :wink: :)



Ciaoooo :)


Aspetti positivi
Le caratteristiche che vengono individuate nel profilo genetico di un individuo introverso sono, in particolare, un corredo di emozioni molto ampio, associato ad un'intelligenza vivace, che insieme comportano un alto livello di empatia degli stati d'animo e delle aspettative altrui. Tra gli altri si nota una prevalenza di principi spiccatamente idealistici, per cui, in particolare, un forte senso della giustizia, della dignità, riferimenti ad un mondo in cui i rapporti interpersonali siano il più possibile corretti e delicati. Quest'ultima qualità comporta una vocazione sociale altamente selettiva, che, per realizzarsi, richiede un elevato grado di affinità con l'altra persona, un'affettività molto intensa e la tendenza a stabilire con pochi individui rapporti molto profondi. Altri attributi del genotipo introverso sono l'orientamento alla riflessione, all'introspezione e alla fantasia, e di conseguenza la predilezione per i campi intellettuali e creativi.
L'introversione non è quindi una condizione univocamente problematica, ma possiede pure aspetti positivi, queste caratteristiche portano però l'introverso ad interrogarsi su se stesso, sugli altri e sul mondo, a porsi problemi per tutta la vita, cercando di risolverli e raggiungendo livelli sempre più elevati di consapevolezza e di comprensione della realtà. Questa capacità oggettivamente positiva viene però mal vista dagli stessi introversi, che la sentono come un peso, e che preferirebbero vivere superficialmente la vita, senza porsi tanti problemi.
Queste caratteristiche consentirebbero la creazione di una persona eccellente sotto diversi punti di vista, anche se la creazione di una tale persona richiede uno grande sforzo.


Aspetti negativi
Il principale elemento che porta negli individui introversi una forte sensazione di malessere è il continuo senso di inferiorità rispetto agli altri. Essi rimangono spesso isolati, e, quando tentano forzatamente di socializzare, spesso lo fanno con cattivo esito, quindi avvertono continuamente un forte senso di solitudine. E questo continuo confronto con gli altri porta loro ad avere un atteggiamento supercritico, ma nello stesso tempo, paradossalmente, invidia per le persone che dimostrano superficialità e scarsa sensibilità.
Le persone di temperamento introverso hanno una naturale tendenza alla riflessione, che però viene spesso indirizzata verso le le proprie problematiche, e comporta così il senso complessivo di una vita faticosa, a volte perfino dolorosa.
L'idealismo presente nelle personalità introverse, caratteristica che potrebbe essere sviluppata in senso positivo, porta però nella maggior parte dei casi l'individuo ad immaginare un mondo nel quale gli esseri umani siano delicati e corretti, ideale che si scontra però con la realtà: l'introverso arriva quindi a giudicare il mondo reale in base a quello ideale, venendo quindi delusi.
"La Repubblica, una e indivisibile [...]" (art. 5 Cost.)
Avatar utente
Blue Velvet
Maestro
Maestro
 
Messaggi: 1208
Iscritto il: sab feb 21, 2009 4:58 pm
Località: Milano

Re: razza inutile

Messaggioda BIJOUX » mar nov 10, 2009 6:17 pm

Giustissimo, mi ci ritrovo perfettamente in ciò che c'è scritto...è proprio il mio profilo! So che devo a malincuore "adeguarmi" alla massa, ma più ci provo, più non ci riesco. Questo maledetto rossore mi tradisce puntualmente, rendendomi ogni volta più debole e facendomi sentire inutile e incapace, in parole povere una deficente. Ci dovrà pur essere un motivo se Dio ci ha voluti così e non uguali a tutti gli altri...comunque grazie.
BIJOUX
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 57
Iscritto il: gio nov 05, 2009 2:35 pm

Re: razza inutile

Messaggioda dodo » mar nov 10, 2009 6:35 pm

secondo me non c'è un motivo, ognuno ha la sua ''croce'' da portare, piccola o grande che sia, a noi è toccata questa.....che c vuoi fare, io penso alla fine che ci sia di peggio da sopportare, certo che il rossore è un bel disagio :oops:
dodo
Principiante
Principiante
 
Messaggi: 21
Iscritto il: dom set 27, 2009 7:16 pm

Re: razza inutile

Messaggioda BIJOUX » mar nov 10, 2009 7:05 pm

puoi dirlo forte, è di grande disturbo...mi sono davvero rotta di prendere fuoco come se fossi la torcia umana! almeno ci sarebbe un motivo! :lol:
BIJOUX
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 57
Iscritto il: gio nov 05, 2009 2:35 pm

Re: razza inutile

Messaggioda gigixy » mer nov 11, 2009 8:46 pm

io la definirei una specie di croce,ma una croce momentanea(e ora direte è arrivato l'ottimista :lol: )perchè secondo me le fobie si possono guarire(tante persone sono guarite,tante stanno guarendo,e tantissimi guariranno...questo è il mio motto)...il problema stà tutto nel fatto che noi non ci accettiamo per quello che siamo(e quindi diamo TROPPO peso a questa cosa),invece se ci accettiamo,vedrete che la fobia andrà poco a poco sparendo(sono un poco contradittorio in quello che dico,perchè anche io non accetto questa mia faccia rossa,pensate che ora che stò iniziando ad uscire con gli amici ogni giorno e a conoscere belle ragazze,non posso tirarmi avanti,al contrario mi tiro indietro e a questa età "17 anni" ho tanta voglia di stare con una ragazza...mah :oops: .Io nella vita mi vedo come un paracadutista o almeno un carabiniere,perchè io amo la divisa(se riesco a superare questo problema,sarò onorato di fare concorsi per l'arma)...speriamO!!!!!!!!!!!!!!! :D......"io morirei per la patria",italia nel cuore......
gigixy
Esperto
Esperto
 
Messaggi: 177
Iscritto il: ven set 18, 2009 9:15 pm

Re: razza inutile

Messaggioda BIJOUX » gio nov 12, 2009 3:06 pm

il problema non sono io che non mi accetto, sono gli altri a non accettarmi...ad esempio: io so di diventare rossa, quando succede cerco di far finta di niente, gli altri puntualmente me lo fanno notare e non fanno altro che peggiorare la situazione. Allora pensano che io sia stupida, tonta e timida....i classici pregiudizi di chi non può capire cosa si prova perchè ha la fortuna di non soffrire di eritro :oops:
BIJOUX
Pratico
Pratico
 
Messaggi: 57
Iscritto il: gio nov 05, 2009 2:35 pm

Prossimo

Torna a Eritrofobia, Eritrosi

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 7 ospiti

cron